×

Avviso

Non ci sono cétégorie

Con provvedimento n. 2 del 28.02.2018 la Regione Abruzzo ordinava a Deco S.p.A., in qualità di aggiudicataria provvisoria del Polo impiantistico “CIRSU S.p.A.“, di procedere alla rimozione ed allo smaltimento/recupero – a proprie spese – dei rifiuti ex Sogesa presenti nel Polo, per un quantitativo totale di ca 2.200 mc di rifiuti ed al Consorzio CSA Scarl , quale gestore per provvedimento del Giudice Delegato del Fallimento CIRSU SpA sino al 31.07.201 del Polo medesimo, di svolgere le stesse operazioni per un quantitativo di 11.000 mc di rifiuti rinvenienti dall’ attività svolta dal CSA prima della chiusura del Polo.

Ebbene, Deco S.p.A. tiene a precisare in una nota come si sia fatta carico delle operazioni di cui sopra, comunicando alla Regione Abruzzo ( Nota Prot. N. 6169/18 ROP ) di averle terminate, lasciando l’ area che ospitava i rifiuti in condizione igienico sanitarie mai viste negli ultimi 20 anni e di cui, per onor del vero, Deco S.p.A allega foto con preghiera di pubblicazione.

Diversamente, ci si chiede come mai sia possibile che, invece, la società CSA non solo non abbia provveduto alla rimozione dei rifiuti di propria spettanza ma, ancor di più, di come ciò avvenga nell’ indifferenza generale.

Al lettore le dovute riflessioni, scrive in una nota Deco Spa.

(Nella foto, la situazione attuale dopo la bonifica)

 

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni