R+News Diretta Streaming

Diretta Live Streaming

chiudi
×

Avviso

Non ci sono cétégorie

SMARTPHONEMILLOggi lo smartphone è uno strumento imprescindibile per le nostre vite. C'è chi non può farne a meno per lavoro, chi lo usa soltanto per divertirsi, chi critica la dipendenza dallo strumento. Resta il fatto che i telefoni di ultima generazione sono diventati nostri compagni fidati. Ma quanti ce ne sono in Italia? E qual è l'uso che ne facciamo nel nostro Paese?

Secondo un recente studio condotto dal Pew Research Center, aggiornato al 2019, in Italia il 71% delle persone possiede uno smartphone, il 20% dispone di un cellulare non smartphone, mentre l’8% afferma di non possedere nessun telefono cellulare. Un livello di penetrazione abbastanza elevato e che si avvicina a quello di altri Paesi Europei.

In termini proporzionali il 70% degli italiani utilizza ogni giorno i device di ultima generazione per navigare sui motori di ricerca, utilizzare i social media, visitare pagine di intrattenimento e di servizi.

Lo smartphone è ormai diventato un elemento distintivo, soprattutto per i giovani e i Millennials. Lo afferma una recente ricerca di Samsung: per i ragazzi dimenticarlo a casa è una fonte di ansia perché ormai viene considerato un compagno di vita insostituibile e lo strumento per eccellenza per combattere la noia. Ma non solo. I telefoni di ultima generazione, oltre ad essere apprezzati per la capacità di metterci in contatto col mondo, virtuale o reale che sia, sono diventati mezzi per affermare il proprio stile personale e protagonisti indiscussi dell'outfit.

Ma quali sono le attività che i giovani preferiscono fare con il proprio smartphone? Sicuramente la condivisione di foto e video, insieme allo svago e all'aggiornamento delle pagine personali sui social network.

E proprio l'intrattenimento e il gaming sono due delle passioni principali degli italiani. A confermarlo una recente ricerca del brand americano AdColony. Tra i dati più interessanti quello delle fasce di età. I giovani restano il comparto che gioca di più (i giocatori tra i 18 e i 24 anni sono il 64,45%, quelli tra i 25 e i 34 toccano il 68,85%) ma pian piano si sta allargando il pubblico del gaming: il 67,88% delle persone di età compresa tra i 35 e i 44 anni gioca. Il 68,42% dai 45 anni in su gioca.

Due le principali ragioni del boom del gaming mobile. La prima è quella legata ai progressi tecnologici che permettono di avere sui piccoli schermi giochi le cui prestazioni non hanno nulla da invidiare a quelle di Pc e Console. La seconda è quella dell'incredibile proliferazione dell'offerta di titoli che non solo ha attirato un numero crescente di giovani ma ha anche allargato i pubblici di riferimento. Basti pensare che i migliori casino online hanno deciso di puntare forte sul mobile, offrendo versioni mobile dei loro principali giochi e allo stesso tempo la rivisitazione sotto forma di app dei titoli vintage ha iniziato a spopolare anche nel nostro Paese.

Per quanto riguarda il genere sono ancora gli uomini a giocare di più: il 69,80%. In netta risalita anche le donne che, secondo lo studio americano, arrivano al 63,51%. Sia maschi che femmine prediligono le fasce del tardo pomeriggio e della sera per giocare e dedicano allo svago circa 40 minuti al giorno. Da sei a otto, invece, le app di gaming presenti su ogni telefono.

Molto interessanti anche le motivazioni che spingono i nostri connazionali a giocare: il divertimento resta al primo posto con il 59%, 46% degli intervistati lo usa per rilassarsi, il 25% come allenamento mentale e il 19% come mezzo di socializzazione. La vincita di premi o il guadagno economico rappresentano la motivazione di minor interesse rappresentando solo il 12% del totale.

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni