Attualità

«DOBBIAMO ESSERE TANTI E COMPATTI IL 2 MARZO», OGGI NUOVO APPELLO IN PROVINCIA A TUTTI I SINDACI DELLA PROVINCIA

20170223_110407 20170223_110509Dobbiamo essere in tanti e compatti il 2 marzo a Roma. Lo hanno ribadito stamattina in Provincia ai sindaci della provincia di Teramo, il presidente Renzo Di Sabatino con l’assessore regionale Dino Pepe e i consiglieri regionali Paolo Gatti e Mauro Di Dalmazio.

«Una manifestazione di supporto importante – ha detto Paolo Gatti –  L’idea sarebbe quella di incontrarsi alle 8 del 2 marzo al piazzale dello stadio, abbiamo avvertito la Questura di Roma e abbiamo tutte le autorizzazioni, arriveremo a piazza Venezia e ci sposteremo in piazza Montecitorio che abbiamo prenotato ed è nostra, a quel punto chiederemo di essere auditi dalla relatrice, l’on. Braga, per rappresentare la piattaforma. Bisogna essere solidali visto che siamo stati tutti danneggiati – ha detto Gatti – Ai pullman di Teramo si aggiungeranno altri dalla provincia di Pescara. Bisogna anche far capire che dopo esserci lamentati tutti su facebook ora è il momento di agire».

L’assessore regionale Dino Pepe ha detto nel suo breve intervento: «Dobbiamo dimostrare compattezza il 2 marzo essendo la provincia di Teramo gravemente colpita e quindi possiamo essere decisivi per dimostrare al Presidente del Consiglio che deve essere stabilito il giusto».

«Ci piacerebbe che ci fossero tutti i vertici regionali a cominciare dal Governatore – ha detto Di Dalmazio – i protagonisti pero’ devono essere le varie comunità del territorio».

Il presidente dell’Anci Luciano Lapenna anche lui ha detto che questo è un ulteriore passo con un confronto che si apre difficile.

Il Sindaco di Corropoli ha evidenziato come i problemi del capoluogo si riversano anche nelle zone interne e sulla costa: «Chiedo ha detto Umberto D’Annuntiis – che il presidente della Provincia assuma il coordinamento dell’iniziativa».

«Abbiamo tutti lo stesso problema. Come pagare i pullman per andare a Roma». Ha detto il Sindaco di Penna Sant’Andrea Severino Serrani: «Magari avere una somma extra dal Bim o chiedere il contributo ai cittadini, lo dobbiamo sapere qui».

«Il fatto del pagamento degli autobus è un problema e non me la sento di chiedergli ai cittadini – ha detto il Sindaco di Atri Gabriele Astolfi – bisogna scegliere la delegazione e il gruppo che rappresenterà il territorio a Roma e poi, oltre alla fasce portare anche i gonfaloni».

Ogni pullman costa mille euro. «La Provincia fornirà un contributo” – ha risposto Di Sabatino ai sindaci presenti.

Categorie:Attualità

5 risposte »

  1. BRAVI POLITICI QUESTA VOLTA- – TERAMANI TUTTI A ROMA FACCIAMO SENTIRE LA NOSTRA VOCE E FACCIAMOCI RISPETTARE- HA RAGIONE BRUCCHI VENISSERO A VEDERE CHE CASINO NELLA CITTA’ E NEL TERRITORIO- BRAVO- FACCIAMOCI RISPETTARE. TUTTI A ROMA IL 2 MARZO.

    • Si va a Roma. Finalmente tutti d’accordo. Ma di certo, non basta. Ammesso che si raggiunga un congruo numero di partecipanti, non si può marciare per le vie di Roma solo con fischietti, megafoni e slogan. C’è bisogno di un preventivo, fitto e concreto lavoro preparatorio. Avvisare i media ed informare le segreterie dei partiti, incluse le opposizioni. Mi auguro che il Presidente della Provincia abbia le idee chiare e, una volta tanto, lavori per il bene dei teramani senza lasciarsi incantare dalle sirene del Senato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...