Attualità

LA PERIFERIA DI TERAMO E’ DIVENTATA LA TERRA DI NESSUNO, LA DENUNCIA ARRIVA DAL PD

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Se il senso di abbandono e di incuria si registra nel centro storico di Teramo, la periferia è diventata terra di nessuno: basti pensare alla situazione in cui versa Putignano. La denuncia arriva dal consigliere comunale del Pd di Teramo, Ilaria De Sanctis.

«Ebbene, se quest’amministrazione a parole si è sempre dichiarata vicino alle frazioni, nella realtà ne ha dimenticato l’ esistenza. Ad esempio, a Putignano, nonostante le numerose segnalazioni effettuate da parte dei residenti per denunciare la pericolosità dell’ex edificio scolastico, in via Nardini, nulla è stato fatto. Quell’edificio, in disuso, è fonte di preoccupazione per gli abitanti, soprattutto dopo il terremoto: infatti, al suo interno si sono formate delle crepe molto profonde e dal tetto, in diverse occasioni, sono caduti coppi e pezzi di cornicioni, addirittura arrivando a colpire anche le abitazioni di fronte. Non solo, il piccolo giardinetto che circonda l’edificio, in cui, tra le altre cose, sono presenti dei giochi per bambini, è diventato una giungla. L’edificio scolastico è solo la cartolina del degrado in cui versa Putignano: l’ erba alta, rovi e sterpaglie si incontrano anche sui bordi di via Nardini, ormai a tratti anche senza asfalto e con scarsa illuminazione. Putignano non è l’unica frazione a trovarsi abbandonata: si cambia nome ma le problematiche legate alla manutenzione ordinaria di questi borghi rimangano invariate. Teramo è ormai da molto tempo ostaggio di un’amministrazione troppo presa a risolvere guerre di poltrone invece di risolvere piccoli e grandi disagi dei cittadini e così la manutenzione ordinaria non è più affare del Sindaco e della sua giunta, ma un problema dei cittadini», conclude Ilaria De Sanctis.

 

1 risposta »

  1. Anche lungo Viale Europa c’è una ex-scuola abbandonata a se stessa dall’amministrazione comunale che per anni è stata sede del comitato di quartiere di Colleatterrato-Villa Pavone e seggio elettorale. Il 4 Dicembre del 2016 i cittadini del quartiere succitato si son dovuti recare alla Scuola Primaria “De Jacobis” nel quartiere Gammarana per andare a votare per il Referendum. La manutenzione dell’edificio è stata fatta a spese dei comitati che si sono succeduti negli ultimi vent’anni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...