Attualità

INCIDENTE SUL LAVORO A CASTELNUOVO VOMANO: MUORE GIOVANE OPERAIO DI 32 ANNI

Un operaio è morto in un’azienda della zona industriale della frazione di Castelnuovo Vomano in un incidente tutto ancora da chiarire. Secondo una prima ricostruzione, il giovane stava lavorando a un macchinario quando è rimasto ferito gravemente.
Le sue condizioni erano già gravi quando i colleghi di lavoro lo hanno accompagnato al pronto soccorso del Mazzini di Teramo dove il giovane è deceduto in ospedale. Il giovane si chiamava Roberto Morelli ed aveva 32 anni ed era originario di Cercola (Napoli). Secondo quanto si è appreso, il giovane dipendente di una ditta di autotrasporti, stava scaricando del materiale da consegnare all’azienda Metalferro di Castelnuovo Vomano , sul cui piazzale è avvenuto l’incidente mortale. Non è chiara la dinamica, perché alcuni testimoni che hanno chiesto l’intervento dei soccorsi hanno dapprima parlato di una caduta poi di una colpo ricevuto da un macchinario il cui braccio stava operando in zona. La dinamica sarà comunque chiarita dai carabinieri e dal personale dell’Ispettorato del lavoro che ha aperto una indagine al pari della magistratura teramana che probabilmente disporrà l’autopsia della vittima. Secondo la prima ricognizione cadaverica esterna, il giovane camionista avrebbe subìto gravissimi traumi alla testa.
Quando il lavoro diventa morte non ci sono parole abbastanza profonde per poterne descrive l’ingiustizia.
Un ragazzo di 32 anni, oggi, ha perso la vita mentre svolgeva il proprio lavoro in un’azienda della nostra provincia.
Non sono ancora chiare le dinamiche dell’incidente e sarà compito della magistrature individuare cause e colpevoli. Quel che è certo, però, è che ci troviamo ancora una volta a piangere la vita di un lavoratore. Adesso è il momento del cordoglio e dell’abbraccio che vogliamo rivolgere ai familiari di questa giovane vittima.
Anche per lui, vorremmo non dover vivere più drammi di questa natura.
Non vorremmo più vedere aziende che sacrificano la sicurezza sull’altare del “profitto”, della “competitività” e della “concorrenza”.
Vorremmo vedere controlli più costanti ed approfonditi da parte degli enti preposti e non vorremmo più vedere tagli a questi settori. Vorremmo che il lavoro fosse sempre sinonimo di dignità e mai più di morte.

I segretari provinciali di Teramo
FIM CISL – FIOM CGIL
Marco Boccanera – Mirco D’Ignazio

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...