Attualità

LA GAMMARANA, UN QUARTIERE IN COMPLETO ABBANDONO CON UNA SEGNALETICA INESISTENTE

Il presidente del Comitato di quartiere della Gammarana scrive al Comune e ricorda che: «Pur comprendendo che nell’ultimo periodo questa collettività ha subito azioni antropiche esterne che in qualche modo hanno inciso anche sull’azione complessiva dell’amministrazione, certo non possiamo comprendere come attività classificabili di tipo ordinarie, per la corretta (forse un po’ esagerato) gestione del territorio, siano state completamente abbandonate.

Ci si riferisce, in particolare, alla totale carenza di segnaletica stradale al fine di evitare il proliferare quotidiano diseducativo da parte di tanti cittadini, soprattutto non residenti, che occupano in maniera indiscriminata spazi per pedoni procurando pericolo di incidenti, oltre ad altre situazioni come di seguito elencate.

Non è ammissibile che all’incrocio tra Via De Jacobis e Via Luigi Tripoti, ci siano diversi momenti della giornata in cui è impossibile spostarsi a piedi e con i mezzi a motore costretti, tra gincane e altro, a bypassare le automobili ammucchiate ai bordi delle strade ed in prossimità dell’incrocio.

Basterebbe che gli organi preposti alla manutenzione risistemassero la segnaletica stradale degna di un paese civile e gli organi di controllo durante le diverse passeggiate ponessero un minimo di attenzione.

Non è ammissibile che lungo la strada, denominata via Romualdi, che fiancheggia il Circolo Tennis luogo di svago e di sport, i maleducati signori attenti al benessere personale ma poco attenti al rispetto civile di spazi pubblici (strade) lascino i propri mezzi a motore occupando spazi per pedoni creando, nel contempo, pericolo continuo in prossimità degli incroci.

Basterebbe che gli organi preposti alla manutenzione risistemassero la segnaletica stradale degna di un paese civile, che gli organi di controllo durante le diverse passeggiate ponessero un minimo di attenzione e che i gestori del circolo tennis, gestori perenni di spazi di natura pubblica e non più al servizio anche della collettività, attivassero un percorso educativo per ricordare ai fruitori cos’è l’educazione civica.

 Oltretutto basterebbe parcheggiare lungo Via Gammarana dove sono stati individuati appositi parcheggi.

La stupenda linea educativa e primo tassello di un percorso di riqualificazione alla Gammarana, percorso ciclo-pedonale, ha le ore contate visto che la segnaletica a terra è in fase di estinzione, che i diversi segnali fissi sono divelti e anche rimossi, e il proliferare della maleducazione quotidiana con l’uso degli spazi ciclo-pedonali a parcheggio dei mezzi a motore.

Basterebbe che gli organi preposti alla manutenzione risistemassero la segnaletica stradale degna di un paese civile, che gli organi di controllo durante le diverse passeggiate ponessero un minimo di attenzione e che i gestori di attività economiche, nell’ottica di una partecipazione sociale al bene collettivo, attivassero un percorso comunicativo, anche attraverso la consegna di opuscolo educativo, per ricordare ai fruitori cos’è l’educazione civica.

Non è possibile che l’illuminazione lungo Via Luigi Tripoti sia perennemente spenta anche perché diversi pali sono stati divelti e altri hanno raggiunto un limite di sicurezza statica non conciliabile con lo stato dei luoghi, per intenderci stanno per cadere.

Basterebbe che gli organi preposti alla manutenzione ponessero un minimo di attenzione per programmare gli interventi.

In ultimo, ma non meno importante, si chiede di programmare un intervento sul campetto adiacente la scuola De Jacobis, purtroppo l’unico agorà territoriale presente in Gammarana, intervento consistente nel dotare detto spazio di un’idonea illuminazione oltre all’installazione di un punto di rifornimento di acqua pubblica sperando che detto bene prezioso possa essere ancora fruito.

Si chiede un immediato intervento per il rispristino delle minime condizioni di vivibilità con recupero anche degli spazi per coloro che utilizzano mezzi alternativi al mezzo a motore», chiude Marcozzi.

Categorie:Attualità

1 risposta »

  1. Bene ha fatto il presidente Marcozzi a sollecitare l’intervento dell’amministrazione comunale per porre fine alla sosta selvaggia delle auto in modo particolare nell’incrocio di via L. Tripoti con via De Jacobi: macchine parcheggiate in doppia fila, addirittura proprio sull’incrocio davanti ai garage ecc. Ma il grave è la totale assenza dei vigili, e, anzi, quelle poche volte che sono transitati hanno tirato dritto”non ti curar di loro ma guarda e passa”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...