Attualità

RIAPRE CON IL “5 FESTIVAL DI RI-SCOSSA” LA RETE DEI FESTIVAL INDIPENDENTI TERAMANI

Riparte con “5 Festival di Ri-Scossa” la Rete dei Festival Indipendenti Teramani, nata un anno fa quale strumento associativo ed organizzativo dell’Arci Teramo per condividere le migliori esperienze e pratiche di festival estivi della provincia teramana.

 

Il primo appuntamento è a Notaresco con il Playnot Festival, giunto alla VI Edizione, che si terrà domani e sabato 8 luglio nel cuore del borgo medievale, in piazza del Popolo. Dopo aver ospitato nelle precedenti edizioni Cristiano Godano, Aucan, Kutso, Giuda, Anudo, Jester at Work, quest’anno in una cornice suggestiva e storica la scelta è stata quella di promuovere solo gruppi emergenti locali per offrire un palco e un’opportunità a giovani artisti del territorio.

 

Domani sera, dalle 21 alle 24, si esibiranno i gruppi Tangram, A Minor Place, Normale. Sabato 8 luglio, con lo stesso orario, si alterneranno sul palco La Base, Clowns From Other Space e Axound. Inoltre, nei locali della Birreria degli Artisti, partner del Festival, si potrà visitare la mostra fotografica di Pino Marrocco.

 

Il titolo dell’edizione 2017, che è stato anche il tema della raccolta nazionale di crowdfunding sulla piattaforma di Produzioni dal Basso, è “5 Festival di Ri-Scossa” per manifestazioni che vogliono essere appunto motivo di “Ri-Scossa” di un territorio e della sua comunità:

 

La nostra provincia – afferma il presidente dell’Arci Teramo, Giorgio Giannellacome altre nel centro Italia, è stata duramente colpita dalle calamità naturali aggravate dalla carenza di prevenzione e di investimenti nella conservazione del territorio. Migliaia di persone oggi sono sfollate nel Teramano e nelle aree interne la situazione è ancora peggiore. Per questo i nostri festival estivi vogliono essere un veicolo di comunicazione e di condivisione per ribadire come le nostre città sono “Territori di Cultura Resistente” dove i nostri circoli, le nostre associazioni e le nostre manifestazioni sono dei presidi fondamentali di partecipazione e di democrazia. Per dimostrare che anche nella provincia dimenticata le associazioni sono più vive che mai e restano un’opportunità di sviluppo”.

 

L’evento è patrocinato dai Comuni di Notaresco, Colledara, Roseto degli Abruzzi, Tossicia e Torano Nuovo e dal Consorzio BIM di Teramo.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...