Attualità

FOTO/ OSPEDALE NUOVO A TERAMO/ ECCO LE QUATTRO ZONE INDIVIDUATE DALLA ASL CON I PRO E I CONTRO, IL CONSIGLIO NE PARLERA’ MARTEDI PROSSIMO

Commissione Affari Generali oggi in Comune presieduta da Luca Corona per parlare delle quattro location in una delle quali sarà realizzato il nuovo ospedale di Teramo. Un ospedale che sarà realizzato nei prossimi tre anni e mezzo e che costerà 22o milioni di euro.

Durante la commissione, il Sindaco  ha parlato dell’importanza del rapporto tra costi e prestazioni ed un ospedale nuovo porterebbe un sicuro abbassamento di costi rispetto ai costi dell’attuale manutenzione del Mazzini.

Queste le aree dove la Asl ha lavorato ed individuato le zone possibili da scegliere per il nuovo ospedale.

Zona A che è stata esclusa, sotto al centro commerciale Gran Sasso perchè è zona a rischio esondazione.

Zona B, quella vicino all’Università di Piano D’Accio che presenta pro e contro. Pro per la presenza della ferrovia e parte della viabilità già realizzata ma sarebbe troppo piccola e non sufficiente per fare i parcheggi, servirebbe tra gli 8 e i 13 ettari di area per fare il nuovo ospedale.

Zona C, (cosidetta area di Verna) in prossimità della ferrovia, anche se bisognerebbe espropriare alcune cave di breccia, di buono c’è lo svincolo già realizzato

Zona D, Sant’Atto che ha di buono di essere di proprietà della Asl,di stare in una zona collinare e ma la viabilità è insufficiente e ne andrebbe fatta una nuova.

Di questo si parlerà nel consiglio comunale di martedi ma l’assise non si esprimerà sull’area ma darà un giudizio generale e poi lascerà la scelta alla direzione generale della Asl.

Tutti i consiglieri hanno pero’ ribadito che l’ospedale si deve fare nel comune di Teramo.

«Sarà un ospedale per acuti – spiega il Sindaco Brucchi –  la Asl sta lavorando anche ad un Rsa a Caslena e manterrà quella dell’ex sanitario dove è stato fatto il miglioramento sismico».

Del vecchio Mazzini si sa che sarebbe intenzione della Asl rilasciarlo al Comune ma per ora è solo un’idea anche perchè i costi di gestione sarebbero troppo alti anche per il Comune. Secondo qualcuno ci si potrebbero realizzare alloggi Erp ma per ora sono solo idee e niente più.

 

 

Categorie:Attualità

Con tag:,,

2 risposte »

  1. tutte le zone in esame hanno criticità importanti. LASCIAMO DA PARTE MESCHINI CAMPANILISMI e spostiamoci tre km più in là nella piana di Bellante in cui la posizione e la viabilità sono ideali con costi sicuramente minori

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...