Attualità

FERRAGOSTO E’ ANDATO: TOGA PARTY, MUSICA, BIRRE, ARROSTICINI, TROPPO ALCOOL E TANTI SOPRAVVISSUTI…

All’origine, fu Bluto. Era il 1978, il mondo scopriva la follia comica di Belushi e nel momento in cui i ragazzi della confraternita Delta organizzano il loro toga party, comincia la storia di una festa che, ormai, è fenomeno di costume. Il Toga party, ormai ultraventennale, e che questa notte è stato ospitato dal Manakara di Tortoreto, è più, molto più di una “festa” ed è anche più, molto più di una “serata”. E’ un evento. Vero. Anzi: probabilmente il vero evento del Ferragosto teramano. Benvengano i concerti, le serate, i grossi nomi un po’ ovunque, ma il Toga Party è altro. Tanto per cominciare, è Ferragosto. Nel senso che è il “sapore” del Ferragosto. C’è tutto un popolo di ragazzi che aspettano, ogni anno, questa serata. E intorno a quel popolo gira tutta un’economia, fatta di ristoranti, di alberghi, di bar. E di birra, forse troppa, visto anche la scarsa capacità di tenuta riscontrabile al mattino, tra i sopravvissuti che si muovono sul lungomare, magari cercando di smaltire qualche boccale di troppo, mentre altri togati si aggirano tra cappuccini e cornetti caldi, riempiendo bar ovunque. Una serata lunga tutta la notte, che si spegne solo all’alba, ma che (in un ideale richiamo, chissà, agli anni delle origini) ha offerto il palco ad Alan Sorrenti. Certo, non è tutto e solo un gioco di lenzuoli, è anche open bar, e questo muove una parte di questa “generazione di venti/trentenni” che confonde divertimento e alcol, subordinando il primo alla quantità del secondo. Toga party fu, dunque, la musica si è spenta, adesso c’è da raccogliere i sacchi di tutti quelli che la toga non se la sono messa, ma hanno bivaccato in spiaggia, perché Ferragosto è anche questo: una nottata in riva al mare a sacrificare arrosticini e svuotare birrozze. E Ferragosto – ed è questa la nota stonata – per troppi è solo una serata per bere troppo. Anche per quelli che, vestono una toga, ma non riusciranno mai ad intuire quale fosse il potere dissacrante e magnificamente “rivoluzionario” di quel «Toga toga toga» gridato dallo studente Bluto.

Categorie:Attualità

1 risposta »

  1. Molto altro oltre le birre….Bastava passeggiare sul lungomare verso le 9 stamattina per contare le bottiglie di superalcolici consumate: le più gettonate quelle di vodka, limoncello e whisky.
    Tra i reduci ancora si incontravano zombies 14/15 enni che non si reggevano in piedi. Tra i teenagers oggi si parla anche dell’annuale Jurassik party, una sorta di rave che si consuma a Cologna spiaggia tra il 14 e il 15 agosto. Le chiacchiere raccontano di fumo, pasticche e amenità chimiche strabilianti…Una cosa è certa: se non si sballano non si divertono.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...