Attualità

INCENDI: COLDIRETTI ABRUZZO, ALMENO 15 ANNI PER RICOSTRUIRE I BOSCHI PERDUTI

Oltre 120mila ettari a fuoco in tutta Italia con l’Abruzzo che esce veramente martoriato da questa “infernale” estate 2017, che verrà ricordata per il clima pazzo, la forte siccità e le temperature altissime, oltre che per gli innumerevoli roghi che hanno letteralmente raso al suolo centinaia e centinaia di ettari di terreno boschivo che ricopre il 41% della superficie regionale. Per Coldiretti Abruzzo ci vorranno almeno 15 anni per ricostruire i boschi andati a fuoco con danni all’ambiente, all’economia, al lavoro e al turismo ed un costo per la collettività stimabile in circa diecimila euro all’ettaro percorso dalle fiamme.

 

Gli incendi – sostiene la Coldiretti – hanno pesanti effetti dal punto di vista ambientale dovuti alla perdita di biodiversità (distrutte piante e uccisi animali) e alla distruzione di ampie aree di bosco che sono i polmoni verdi del Paese e concorrono ad assorbire l’anidride carbonica responsabile dei cambiamenti climatici. Nelle foreste andate a fuoco – sostiene la Coldiretti – saranno impedite anche tutte le attività umane tradizionali del bosco come la raccolta della legna e dei tartufi. Una situazione difficile che riguarda anche il resto del Paese, con oltre 120mila ettari andati a fuoco nel 2017 con incendi praticamente triplicati rispetto alla media dei 10 anni precedenti, spinti dalla siccita’, dall’incuria e dall’abbandono dei boschi divenuti facile preda dei piromani. Un costo drammatico che l’Italia è costretta ad affrontare perché – sostiene la Coldiretti – è mancata l’opera di prevenzione con 12 miliardi di alberi dei boschi italiani che, a causa dell’incuria e dell’abbandono, sono diventati infatti vere giungle ingovernabili soggette ai piromani.

 

Anche nella nostra regione è praticamente raddoppiata rispetto all’Unità d’Italia la superficie coperta da boschi che oggi in Abruzzo interessa 400mila ettari (Pari al 41% del territorio) ma, come è ormai evidente, sono alla mercé dei piromani la maggioranza dei boschi che, per effetto della chiusura delle aziende agricole, si trovano ora senza la presenza di un agricoltore che possa gestirle – dice Coldiretti Abruzzo – “Per difendere il bosco italiano e abruzzese occorre creare le condizioni affinché si contrasti l’allontanamento dalle campagne e si valorizzino quelle funzioni di sorveglianza, manutenzione e gestione del territorio svolte dagli imprenditori agricoli nonché cogliere le opportunità offerte dalla legge di orientamento che invita le pubbliche amministrazioni a stipulare convenzioni con gli agricoltori per lo svolgimento di attività funzionali alla salvaguardia del paesaggio agrario e forestale”.

 

 

 

I DANNI DEGLI INCENDI
1)    Costo degli interventi per emergenza
2)    Perdita di biodiversità per danni alla fauna e alla flora con boschi di querce, di faggio, di castagno, di cerro ma anche funghi ed erbe aromatiche.
3)    Impedite nelle aree a fuoco tutte le attività umane tradizionali del bosco come la raccolta della legna, dei tartufi e dei piccoli frutti, ma anche quelle di natura hobbistica come i funghi che coinvolgono a settembre decine di migliaia di appassionati.
4)    Difficoltà per turismo e agriturismo per calo delle presenze nelle aree coinvolte
5)    Danni diretti alle coltivazioni, perdite di animali, distruzione di fabbricati rurali

Fonte: Elaborazioni Coldiretti

Categorie:Attualità

Con tag:,,

3 risposte »

  1. All ASSESSORE DEL COMUNE DI TERAMO CANZIO : AREE VERDI VILLA MAOSCA VIA CIICONI STERPAGLIE ALTE 1,60 CM UN METRO E SESSANTA CENTIMETRI LUNGO TUTTA LA STRADA CHE COSTEGGIA LE CASE NESSUNO LE TAGLIA LE ERABACCE SECCHE è PERICOLOSO PER L’ABITATO BASTA UN NIENTE PER PRENDERE FUOCO SEGNALATO PIU’ VOLTE- GLI ALTRI ANNI LE PULIVANO DA SOLI ORA NON è POSSIBILE IL COMUNE C’ E’ ANCORA?= URGENTE.

  2. Aggiungo all’appello della Cittadina Teramana le seguenti Vie e Siti che andrebbero quanto prima decespugliate perché è dal mese di Maggio che le piante e l’erba vi crescono:

    Via Pirelli lungo il marciapiede che va dalla Chiesa di Cartecchio fino all’incrocio con la Via del Cimitero, poi a seguire sul lato destro e sinistro fino all’incrocio con Via Di Vittorio.

    Via Di Vittorio lungo tutto il marciapiede di sinistra.

    Via Melozzi all’incrocio con Viale Europa, sul lato destro, dove le ortiche ostacolano l’unico passaggio per i pedoni.

    Viale Europa davanti la Sede del Comitato di Quartiere, nell’area di sosta e anche fermata degli autobus urbani e suburbani, e dentro la Sede, da mesi piena di erbacce e di qualche rifiuto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...