Attualità

FOTO/ IL COMITATO DI QUARTIERE DI VILLA MOSCA DENUNCIA IL COMUNE PER L’INCURIA IN VIA PIAVE

Nell’ambito delle opere di manutenzione ordinaria delle aree verdi site nel quartiere di Villa Mosca, facendo seguito alle ripetute segnalazioni dei residenti di via Piave, concernenti l’esistenza di situazioni di incuria e di degrado che si registrano in modo particolare a ridosso del muro di contenimento della via sopracitata, i sottoscritti Giuliano Lucenti e Demetrio Rasetti in qualità rispettivamente di Presidente del Coordinamento dei Comitati di Quartiere di Teramo e del Comitato di Quartiere di Villa Mosca;

SOLLECITANO

un tempestivo intervento volto al taglio delle erbacce e alla rimozione delle sterpaglie poste a ridosso il muro di contenimento della via di cui sopra, nonché la pulizia e la bonifica dell’intera area in cui si manifestano altresì incresciosi fenomeni di abbandono di rifiuti.
Alla luce di quanto sopra segnalato, si informa che in data odierna è stato effettuato un sopralluogo al fine di produrre un’idonea ed efficace documentazione fotografica allo scopo di registrare le situazioni di abbandono e di forte degrado presenti nella zona.
Teramo, 31 agosto 2017

Giuliano LUCENTI
Presidente Coordinamento Comitati di Quartiere di Teramo

 

Demetrio RASETTI
Presidente Comitato di Quartiere Villa Mosca

 

Categorie:Attualità

Con tag:,,

4 risposte »

  1. Bravo Demetrio villa mosca è sommersa dalle sterpaglie basta una cicca e va a fuoco tutto -è pericoloso- via Michelangelo Ciccone tutto il ciglio della strada invaso da un metro e sessanta centimetri di sterpaglie in altezza (l ho misurati) circondano tutta la zona adiacente alle case ho fatto le foto le manderò ai giornali – è una vergogna- esiste ancora un comune addetto alle manutenzioni? Dobbiamo aspettare che qualcuno faccia qualche sciocchezza? villa mosca è tutta da decespugliare- che si muovessero- sono nata a villa mosca perciò mi incazzo nel vederla abbandonata all’incuria.

  2. Ci sono almeno quattro consiglieri comunali se non di più – se ne fregano qualcosa ? a me pare di no – cittadini di villa mosca ricordatevene quando andrete a votare!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  3. Vorrei far presente anche al Sig. Lucenti la decespugliazione che dal mese di Luglio, dopo avere inviato personalmente una E- mail al Sig. Canzio, è ancora da fare nel suo e nel nostro quartiere:

    Via Pirelli lungo il marciapiede che va dalla Chiesa di Cartecchio fino all’incrocio con la Via del Cimitero, poi a seguire sul lato destro e sinistro fino all’incrocio con Via Di Vittorio.

    Via Di Vittorio lungo tutto il marciapiede di sinistra.

    Via Melozzi all’incrocio con Viale Europa, sul lato destro, dove le ortiche ostacolano il passaggio dei pedoni.

    Viale Europa davanti la Sede del Comitato di Quartiere, nell’area di sosta, e dentro la Sede, da mesi piena di erbacce.

  4. Come già fatto presente a Il Centro che si meravigliava ieri – sabato 2 settembre 2017 – per il mancato inserimento di Via Piave nel piano di decespugliamento e bonifica delle aree verdi del quartiere Villa Mosca, il motivo è molto semplice: le operazioni di eliminazione dei cespugli, sterpaglie, erbacce, rifiuti vari ecc. spetta al’ATER, sia per le scarpate tra Via Flajani – Via Tordino e Via Piave sia per gli “orti” abbandonati dietro agli alloggi disabitati delle “casette basse” di Via Piave.
    Sull’ATER incombe da oltre tre anni un’ingiunzione del Comune – di cui purtroppo ho smarrito la copia, inviatami a suo tempo per conoscenza – nella quale si intima all’ex IACP di attivarsi entro 20 giorni dalla ricezione del’ordinanza (Art. 42 del Regolamento edilizio).
    Va da sé che nessun intervento è stato mai effettuato, né il Comune ha fatto nulla affinché l’ATER si attivasse.
    Risultato:le aree verdi – per modo di dire – di Via Piave sono diventate una giungla e una discarica pubblica e non solo per responsabilità della premiata coppia ATER – COMUNE.
    Ma non è finita qui: dietro all'”orto” del disabitato alloggio (dal 1997) n. 40 delle “casette basse” di Via Piave svetta un imponente olmo totalmente secco che incombe su una delle due scalinate (non più spazzate dal Comune da tempo immemorabile, sia detto tra parentesi),
    Nonostante i Vigili del Fuoco, intervenuti il 25 luglio u.s., abbiano accertato lo stato di pericolosità del’albero (ho in mano il rapporto) e ne abbiano informato l’ATER, come, d’altronde, precedentemente, aveva fatto lo scrivente, nessun concreto intervento è sinora avvenuto.
    Sig. Amministratore Unico dell’ATER, Sig, Sindaco e Sig, Assessore all’Ambiente vi rendete conto della situazione?
    Si aspetta, forse, che succeda una tragedia?
    Distinti saluti.
    Domenico Crocetti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...