Attualità

MARTINSICURO/ IN CARCERE FIGLIO VIOLENTO

I Carabinieri della Stazione di Martinsicuro, diretti dal Lgt. Antonio Romano e coordinati dal Comandante della Compagnia – Ten. Col. Emanuele Mazzotta – hanno dato esecuzione alla misura cautelare in carcere emessa dal Giudice del Tribunale Ordinario di Teramo – Dott. Sergio Umbriano –, su conforme segnalazione degli stessi militari operanti, a carico di A.A. 49enne del posto che è stato rintracciato al termine di uno specifico servizio.

L’uomo, già colpito nello scorso mese di aprile dalla misura cautelare dell’allontanamento della casa familiare e divieto di avvicinamento alle abitazioni ed ai luoghi frequentati dal padre, dalla sorella e dalla nipote per comportamenti violenti posti in essere per diverso tempo nei confronti dei citati familiari – rei a suo avviso di non concedergli, quando richiesto, somme di denaro più o meno consistenti per i fabbisogni personali –, malgrado la richiamata ordinanza del GIP del Tribunale di Teramo, successivamente aggravata con il divieto di dimora e di accesso nel Comune di Martinsicuro, non vi ha ottemperato, infischiandosene.

A.A., infatti, negli scorsi giorni, ha tentato nottetempo di introdursi nella residenza familiare, ove vivono i congiunti oggetto delle precedenti angherie, infrangendo irreparabilmente i vetri della porta d’ingresso dell’abitazione e danneggiando la serranda del balcone. Non pago per quanto fatto, colto da improvviso impeto d’ira, mandava anche in frantumi il parabrezza dell’autovettura – un’utilitaria – della nipote. A quel punto i familiari, temendo per la loro incolumità, visti gli atteggiamenti pericolosi e violenti palesati, nonostante i divieti del Giudice, si vedevano costretti a richiedere l’intervento dei Carabinieri. I militari dell’Arma, giunti sul posto per un sopralluogo, hanno constatato i danni arrecati e raccolto le testimonianze, mettendosi alla ricerca dell’uomo che, nel frattempo, si era allontanato, rintracciandolo seduto comodamente in un bar di Martinsicuro a sorseggiare una bevanda, pur vigendo il divieto di dimora e di accesso nel comune truentino.

Ciò posto, i militari hanno riferito dettagliatamente quanto accaduto e raccolto nelle prime fasi al Tribunale di Teramo che questa volta ha emesso l’ordine di custodia cautelare in carcere.

Il 49enne, dopo le formalità di rito, è stato tradotto presso la casa circondariale Castrogno di Teramo dove potrà con calma meditare sulle proprie malefatte.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...