Attualità

IL COMUNE INTITOLA DUE AREE DELLA CITTA’ A GIANDOMENICO DI SANTE E A ALBERTO AIARDI

Questa mattina, la Giunta Municipale ha approvato una delibera con la quale intitola due aree del nostro territorio ad altrettanti illustri personaggi.
Uno dei due siti è lo slargo-rotatoria stradale in corrispondenza delle vie Po, Arno e Firenze, e sarà cosi denominato:
“LARGO GIANDOMENICO DI SANTE – CAVALIERE DEL LAVORO”.
La seconda intitolazione interessa anch’essa uno slargo-rotatoria aperto alla circolazione tra la SS 80, la SP 18 per Nepezzano e la via Sandro Pertini (strada centro commerciale – stadio), e sarà denominato:
“LARGO ALBERTO AIARDI – DEPUTATO”.

La scelta dell’amministrazione comunale risponde a esplicite richieste avanzate da associazioni culturali e dai familiari ed è in perfetta linea con la sensibilità più volte espressa in situazioni analoghe con la quale si intende manifestare attenzione alla denominazione di nuove vie e strade, riconoscendo implicitamente l’importanza della toponomastica quale strumento di memoria e sensibilizzazione sulle biografie di personalità illustri della storia teramana.

Dichiarazione dell’assessore all’urbanistica, Valeria Misticoni:
“L’amministrazione comunale è onorata di aver intitolato due siti importanti e a loro modo significativi, a due personalità note della vita politica e cittadina, che hanno influito sul destino economico e politico non solo della città di Teramo ma dell’intera provincia e dell’Abruzzo stesso. Le due figure, oltre all’operato e alla capacità che hanno dimostrato nel corso della loro vita, appartengono ad un modo di fare politica e di impegnarsi nella vita civile al quale bisogna guardare, e per certi versi anche tornare. La scelta e l’intera procedura di intitolazione è stata condivisa con le rispettive famiglie, dalle quali abbiamo ricevuto collaborazione e apprezzamento e alle quali esprimiamo gratitudine”.

Appena note le date in cui si svolgeranno le cerimonie ufficiali di intitolazione, verrà delle stesse fornita opportuna informazione.

 

Categorie:Attualità

4 risposte »

  1. Sono due luoghi marginali e decentrati rispetto alla città di Teramo e quindi non sono significativi rispetto al loro contributo alla crescita economica, culturale e politica della città e della provincia di Teramo e della Regione Abruzzo.

  2. Abbiamo già visto cosa è stato fatto per ricordare Marco Pannella, il teramano più illustre del novecento, ricordato con una squallida targa in una vietta poco frequentata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...