Attualità

DELOCALIZZAZIONE IMPIANTI ENEL QUARTIERE CONA. SUBITO UN CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER DEFINIRE LA NUOVA DESTINAZIONE DELLE AREE DI RISULTA

Dopo l’interessante convegno tenutosi sabato mattina a Teramo, organizzato dal Comitato di Quartiere Cona, dove si è parlato della delocalizzazione della centrale ENEL ubicata nel popoloso quartiere e del futuro dell’area di risulta che ne deriverebbe, vista anche la proposta progettuale elaborata dal Comitato di Quartiere, l’Ordine degli Architetti PPC e l’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Teramo chiedono all’Amministrazione Comunale di bandire, subito, un concorso di progettazione, per definire il nuovo spazio urbano.

“Nel complimentarci con il Comitato di Quartiere per il lavoro fatto per la delocalizzazione dell’impianto e per il contributo di idee dato per la riqualificazione dell’area dove attualmente sorge la centrale – dichiarano i presidenti dei due Ordini, l’ing. Agreppino Valente e l’Architetto Raffaele Di Marcello – chiediamo che venga bandito subito un concorso di idee che ampli le proposte per il recupero dello spazio di risulta favorendo la riqualificazione dell’intero quartiere”.

“Non sfuggirà, ai cittadini e alle istituzioni teramane, l’importanza di cominciare a ripensare questa città – continuano i rappresentanti degli Ordini – partendo da un parco progetti concreto, condiviso con i cittadini ed elaborato attraverso l’unico strumento che permette di mettere in campo un ampio ventaglio di idee e competenze, ridando forza alla fase progettuale, troppo spesso sottovalutata in favore di una generica idea di opera pubblica”.

“In questi ultimi tempi, nella città capoluogo – concludono Valente e Di Marcello – è tuto un fiorire di proposte di opere pubbliche: il nuovo polo ospedaliero, il polo scolastico, il nuovo teatro, ecc., senza che, però, tali idee si concretizzino attraverso elaborati progettuali che permettano di verificarne fattibilità, costi e validità tecnica e architettonica. Il ricorso sistematico allo strumento del concorso di progettazione, vista la natura strategica e la complessità di tali opere, può evitare che le idee rimangano tali o che vengano concretizzate attraverso bandi per prestazioni tecniche che, per la loro natura normativa, tengono conto solo dell’offerta economica e non della valenza del progetto, non permettendo di condividere le scelte progettuali con i cittadini.”

Categorie:Attualità

Con tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...