Attualità

DINO PEPE: «INIZIA ORA UNA NUOVA FASE PER IL PD, BASTA CONFLITTI PERSONALI»

«Non posso che esprimere l’augurio di buon lavoro a Gabriele Minosse, che si riconferma Segretario provinciale con il 55% dei consensi e ad Elvezio Zunica e Piergiorgio Possenti per l’inaspettato risultato del 45%». Lo scrive in una nota lo sconfitto, l’assessore regionale Dino Pepe al quale Sandro Mariani ha chiesto anche le dimissioni.
Scrive Pepe: «In questa “partita democratica” non sono stato spettatore imparziale ma mi sono speso, insieme a tanti amici, direttamente e con impegno per una idea di cambiamento a cui abbiamo cercato di dare forma e contenuto con l’esperienza dei “Progressisti per il PD”.
Una esperienza di ascolto del tessuto più profondo delle nostre comunità nella quale abbiamo profuso impegno e presenza costante e nel sentire lo sfogo e la sfiducia trasformarsi in voglia di spendersi per il bene della comunità.
Abbiamo utilizzato questo metodo che è l’unico che conosciamo, quello del lavoro quotidiano, lo stesso che mi ha permesso di ottenere quasi 8000 consensi alle ultime regionali, in modo inaspettato e al di fuori dalle delle logiche e previsioni elettorali, in quanto per fortuna mia e del PD, non esistono solo le tessere di partito, ma il consenso quello vero e i cittadini esprimono la loro fiducia solo se riesci a dimostrare di considerarli persone e non voti da gestire freddamente.
Il consenso è arrivato sulla base di questo metodo che abbiamo tutti cercato di replicare nei tanti momenti di ascolto di questi mesi, cercando di guardarci tutti negli occhi e confrontandoci veramente sui problemi dei territori.
E la disamina del voto di queste elezioni sul segretario provinciale è molto chiara, con una prevalenza di Zunica nei territori più piccoli, con una sostanziale parità in territori più grandi e con Roseto degli Abruzzi dove l’Onorevole Ginoble, e’ riuscito da solo a far emergere la differenza dei 200 voti determinanti per il risultato finale.
Inizia ora una nuova fase per il partito democratico provinciale dove l’istinto, se prevale sulla ragione, spinge a grida, a dita puntate, a vendette e ghigliottine politiche che nulla hanno a che fare con la vita politica di un partito serio.
Mi rivolgo pertanto a tutti gli iscritti e a chi ha maggiori responsabilità nel partito come l’ Onorevole Ginoble, capace da sempre di un analisi attenta ed oggettiva, affinchè prevalga la ragione e quindi non vada disperso questo momento di democrazia alta, che molti altri partiti e movimenti ci invidiano, lavorando insieme per portare i valori del partito democratico al governo delle nostre Città in periodi difficili, dove soffia forte il vento della rabbia e dell’antipolitica.
Alle uscite maldestre, alle grida sguaiate di qualcuno che si vuole affiggere qualche medaglietta sul petto dopo questo congresso dico di analizzare bene i dati e di andare oltre le esigenze e le aspettative personali ed evitare che una “vittoria della democrazia” si trasformi in un conflitto personale che non giovera’ ai singoli e soprattutto al PD.

DINO PEPE

Categorie:Attualità

Con tag:,,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...