Attualità

IL COMUNE VUOLE AUMENTARE DEL 4% LA TARI AI CITTADINI E DIMINUIRE QUELLA PER I COMMERCIANTI FINO AL 12%, L’OPPOSIZIONE INSORGE. SARA’ BATTAGLIA IN CONSIGLIO COMUNALE

Commissione consiliare bilancio oggi in vista dell’approvazione del piano finanzirio della Tari. Fabio Berardini del Movimento Cinque Stelle denuncia: «Oggi abbiamo appreso che si vuole aumentare del 4% la Tari per le utenze domestiche, senza contare i costi ingestibili della Teramo Ambiente stessa. Chiediamo l’appplicazione della tariffa puntuale – dichiara Fabio Berardini –  visto che questa tassa diventa sempre più ingestibile a causa dei costi della Te.Am, un’azienda che va avanti senza indirizzo politico – continua Berardini – che si ripercuote anche sui cittadini. L’incapacità dell’amministrazione Brucchi  – dice ancora Berardini – di non far diminuire questa tassa prosegue senza contare un aumento del disservizio diventato oramai costante. Tutto questo sarà fatto presente nel consiglio comunale fissato per il giorno del 2 novembre. Faremo di tutto – dice – affinchè questo bilancio non venga approvato».

Replica e spiega la sua versione il Sindaco Maurizio Brucchi: «Il Pef della Te.Am – spiega il Sindaco – ha un riduzione importante. Abbiamo deicso di concedere una riduzione alle imprese in difficilltà con una diminuzione tra il  10 e il 12%. L’aumento è del 3%-4% per le utenze domestiche, parliamo di 4 euro ogni 100 euro in bolletta – dice ancora Brucchi – non è da intendersi come un salasso per i cittadini forse è da intendersi come un contributo di qualche euro. Abbiamo voluto aiutare il commercio che versa in grande difficoltà. Chi pagava ad esempio duemila euro come impresa commerciale, pagherà 1.800 euro».

«Siamo contrari a questo aumento. La questione è che questo Pef è figlio di tutti quelli precedenti e sconta tutte le vecchie criticità. Questa riduzione del Pef tra l’altro non c’è. La vera domanda che ci dobbiamo porre – dice Gianguido D’Alberto – è quanto abbiamo pagato in più in questi anni di Tari. Ci hanno mandato due versioni nel giro di pochi giorni sull’argomento, dove si spostano somme e cifre e che serve solo a far approvare il documento in consiglio comunale. E’ un Pef di cui non si parla più nella tabella che ci hanno inviato, nè dei crediti inesigibili e nè dei conguagli 2013-2014, tutto questo per lasciarli irrisolti per chi verrà dopo, senza pensare che tutto cio’ graverà sui cittadini. E’ solo un modo per scaricare il tutto sulle future generazioni dei teramani».

Nella commissione di oggi presieduta da Luca Corona in assenza di Italo Ferrante, il presidente della Te.Am Pietro Bozzelli ha detto che saranno acquistati altri mezzi e più adeguati alla raccola differenziata mezzi più grandi rispetto ai “Porter”, chiesta di nuovo l’applicazione della tariffa puntuale, mentre su Termoli è ancora tutto aperto, ha rifetito Bozzelli.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...