Attualità

L’INCHIESTA/ IL CAPO CANTONIERE DELL’ANAS NON RISPONDE AL GIUDICE, EMERGONO NUOVI ELEMENTI D’INDAGINE

Si è avvalso della facoltà di non rispondere il capo cantoniere dell’Anas di 58 anni finito agli arresti domiciliari con l’accusa di concussione.
L’uomo, capo cantoniere dell’Anas, con compiti di sorveglianza anche sulla Statale 16, avrebbe chiesto (e ottenuto) delle somme di denaro per concedere dei pareri amministrativi favorevoli.
La Procura di Teramo contesta tre casi nei quali il dipendente dell’Anas si sarebbe fatto consegnare del denaro. Anzi, in una circostanza la consegna del denaro, si parla di 500 euro, più 100 consegnati in precedenza, sarebbe stata filmata dai finanzieri.

Il tutto sarebbe partito dalla denuncia di un imprenditore della Val Vibrata per le pratiche di autorizzazione di un accesso sulla Statale 16 per un terreno a Martinsicuro. Terreno acquistato nel 2015 dall’imprenditore per delocalizzare parte della propria attività e per il quale la pratica non si era sbloccata. Poi i contatti tra l’imprenditore e il capo cantoniere e il successivo scambio di soldi. Non è da escludere, in ogni caso, che l’inchiesta andata avanti per circa un anno, e che ha prodotto una voluminosa documentazione, possa allargarsi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...