Attualità

SCOMPARSA DELLA PITTRICE/ IL FIGLIO NON RISPONDE ALLE DOMANDE DEL PM, ED IL DNA CONFERMA CHE E’ DELLA RAPPOSELLI IL CADAVERE

Convocato stamani nella Caserma del Comando provinciale dei Cc ad Ancona, Simone Santoleri, il figlio della pittrice Renata Rapposelli, trovata morta il 10 novembre in un dirupo nelle campagne di Tolentino, si è avvalso della facoltà di non rispondere alle domande del pm Andrea Laurino. La procura di Ancona lo ha indagato insieme al padre, Giuseppe Santoleri, per concorso in omicidio e occultamento di cadavere. Simone era assistito da tre difensori, gli avv. Alessandro Angelozzi, Gianluca Reitano e Gianluca Carradori, ma la sua permanenza nella caserma è durata meno di un’ora. Non si è invece presentato all’interrogatorio, come era prevedibile, Giuseppe Santoleri, ricoverato nell’ospedale di Atri (Teramo) per un’intossicazione da psicofarmaci.

“Abbiamo prodotto la documentazione medica – ha spiegato Angelozzi all’ANSA – per ottenere un rinvio”.

Le condizioni cliniche dell’uomo comunque sono in miglioramento. Si attende intanto il risultato dell’esame del Dna per ufficializzare l’identificazione del corpo scarnificato rinvenuto nelle campagne di Tolentino. Che si tratti della pittrice, scomparsa da Ancona il 9 ottobre dopo un viaggio a Giulianova, dove marito e figlio risiedono, per discutere dell’assegno di mantenimento, è ormai certo: lo confermano una placca metallica a un polso (Renata aveva subito una lussazione), e gli oggetti riconosciuti dalla figlia, una medaglietta della Madonna, la croce a forma di tau, un orologio con gli strass. Bisognerà invece attendere l’autopsia per capire come Renata è morta. Una delle ipotesi è che sia stata spinta ancora viva nella scarpata.

Intanto si apprende che il cadavere ritrovato a Tolentino è proprio quello di Renata Rapposelli. La conferma arriva dall’esame del Dna.

Ad eseguirla i medici legali Loredana Buscemi e Antonio Tombolini con gli avvocati dei due indagati, l’ex marito Giuseppe Santoleri e il figlio Simone, che potrebbero adesso nominare dei consulenti di parte. I due sono infatti indagati per omicidio volontario ed occultamento di cadavere.

All’autopsia, nella giornata di giovedì, seguirà un sopralluogo dei carabinieri del Ris nell’appartamento di via Pescheria ad Ancona dove la Rapposelli abitava.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...