Attualità

TOPITTI: “VISTA LA PIOGGIA? L’OSPEDALE LASCIATELO DOVE STA”

Si coglie la spiacevole circostanza alluvionale del territorio provinciale per evidenziare a Lorsignori tecnici progettisti , politici , amministratori di enti locali , massimi dirigenti ASL di Teramo , qualora si concretizzi la proposta di realizzazione dell’ospedale unico ,di non insistere nella costruzione di una nuova struttura nell’area sita nei pressi dell’affluenza del torrente Fiumicino con il fiume Tordino ad ovest di S Nicolò .

Nella edificazione di opere sia pubbliche che private, vanno sempre rispettati i criteri della sicurezza in rapporto ai vari fenomeni naturali i quali si manifestano sempre più violenti a causa del mutamento del clima . I tanti disastri degli ultimi tempi a causa della antropizzazione di aree inidonee , siano da monito a Lorsignori per far si che la smettano una volta per sempre a perpetrare violenze al territorio che sta costando un prezzo molto alto a tutta la collettività sotto gli aspetti : ambientali, economici e sempre più spesso ad alto rischio di vite umane.

L’area di Fiumicino essendo presso la confluenza di due fiumi, oltre che essere insalubre ( alto tasso di umidità ) è ad alto rischio alluvionale con conseguente impraticabilità della viabilità limitrofa in caso di forti e persistenti piogge .

A Teramo non esiste miglior sito per un ospedale dell’attuale posizione del Mazzini , per la qualità del clima essendo in zona collinare, oltre che a livello di sicurezza ambientale che logistica .

Antonio Topitti

Commerciante librai del Centro Storico nonché Presidente comunale Confesercenti

Categorie:Attualità

3 risposte »

  1. Una delle scelte più felici fatte in questa città, come quella di costruire l’Ospedale su di una collina vicinissima al centro storico e, peraltro, già a vocazione sanitaria per l’esistenza sul sito del Sanatorio, vuole essere rimessa in discussione, Piuttosto si veda di acquisire nuove aree in zona per la necessaria estensione del nosocomio, la “modernizzazione” di quello esistente e di districare l’aggrovigliata matassa dei nuovi parcheggi e connessi.
    A San Nicolò a Tordino o Piano d’Accio si costruisca, invece, il nuovo Tribunale, demolendo quello attuale che un noto giornalista, anni fa in visita a Teramo, definì in stile “nazi-maoista”.
    Si ridarebbe così “dignita” al Santuario della Madonna delle Grazie e respiro a un’importante area cittadina dove – come è noto – ha dimora uno dei pochi giardini pubblici esistenti a Teramo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...