Attualità

BRUCCHI A SUPER J: «CHIODI MAI SENTITO, DI DALMAZIO NON PERVENUTO E GATTI…NON CE PROVA’…NON MERITAVO QUELLO CHE MI E’ STATO FATTO»

 

 

 

 

 

Con la canzone “un giorno credi” di Edoardo Bennato si è aperto lo speciale che Super J ed il suo direttore Walter Cori ha voluto dedicare stasera alla conclusione anticipata del Governo guidato da Maurizio Brucchi a Teramo.

«E’ difficile spiegare alla famiglia cosa è accaduto oggi – ha detto Brucchi – mia figlia Nicoletta mi ha detto di spiegare quello che è successo e basta. Ho avuto il grande onore di guidare la città di Teramo, ringrazio tutti i cittadini, esco da questa scena durata quasi 19 anni consapevole di aver fatto tutto quello che potevo fare e questo me lo hanno riconosciuto autorità importanti di questa città».

Si parla poi di politica, di quella politica che lo ha mandato a casa: «La politica è mediazione ed io ho cercato sempre di trovare le mediazioni ma adeso devo vedere che c’è qualcuno che cerca di rifarsi una verginità…. non mi va bene che queste persone oggi vogliono dire che non c’entrano. Quando c’è stato un problema nessuno si è degnato di dire qualcosa. Anche sulle Giunte siamo partiti con i piedi sbagliati dopo che fu deciso che la Lista di Alfonso Di Sabatino non prese nessun assessore e Gatti ne volle quattro. Oggi Gatti non puo’ dire che questo Governo cittadino è uno sfacello. Non va bene. Ognuno si assuma la propria dose di responsabilità in proporzione all’impegno. Non accetterà mai che qualcuno voglia ora rifarsi una verginità…vedremo quello che poi accadrà. Vorrei ricordare che Mauro Di Dalmazio non si presentò al tavolo politico mandando Di Giovangiacomo e Puglia in chiaro conflitto di interesse. Quello che è accaduto oggi è una cosa molto grave perchè tra qualche giorno arriverà un commissario».

Si parla poi dell’ex Governatore: «Chiodi in tre anni e mezzo l’ho sentito solo due volte, non ha mai partecipato alla vita di questa città. Non l’ho mai sentito. Gatti nel bene o nel male c’è stato. Quello che è accaduto oggi è gravissimo e dietro di noi lasceremo solo macerie. Chiodi mi ha ferito molto perchè, io dico,  se mi vuoi criticare ti devi sporcare le mani. Quando Gatti poi dice che l’amministrazione andava male mi fa sorridere visto che aveva 4 assessori. Mauro Di Dalamzio, poi, non è pervenuto ed ha deciso di prendere le distanze da noi. Campana segna poi la correttezza dei rapporti. Un momento di verità ci vuole in questa città. Oggi non sono piu’ sindaco e la vita continua. Io ho la mia dose di responsabilità e poi dobbiamo capire per cosa. I dissidenti non li ho creati io ma qualcun altro, erano nella lista di Futuro In. Io ho cercato di tenere unito il gruppo per andare avanti. Gatti disse che il commissario era una iattura ed oggi sono andati a firmare per farlo arrivare».

Brucchi parla ancora di Paolo Gatti: «Con Gatti ho parlaro poco negli ultimi mesi. Poi ci siamo visti a cena e lui sosteneva che bisognava andare al voto nel 2018 perchè il vento era contrario al centrosinistra e si puo’ ancora vincere al comune di Teramo e quindi voleva che io mi dimettessi, ed io non ho voluto stare a questo gioco non per un attaccamento alla poltrona ma perchè c’è un mandato dei cittadini, le velleità di vincere subito potevano essere rinviate al 2019 prchè si deve ragionare di coalizione non si puo’ dire…si fa come dico io e basta. Poi abbiamo preso un caffè casuale al bar, Canzio mi chiese di sedermi ed abbiamo scambiato due parole ed io ho ribadito le stesse cose. A Teramo si è deciso di mandare a casa un sindaco di Forza Italia. Mi sento tradito dagli amici, dalla politica ed anche da tutto quello che ho dato a queste parole. Mi sento tradito da chi avrebbe potuto fare un discorso diverso. Io ci sono stato sempre anche quando c’è stato di inserire Antonini come assessore. Quando poi qualcuno vuole fare come Ponzio Pilato non mi va bene, perchè a me mi si puo’ togliere tutto ma non la mia dignità. Ho tanta amarezza in corpo. Oggi è stato un brutto pomeriggio. Ritengo di non meritare quello che mi è stato fatto».

Brucchi ammette di aver fatto un errore: quello di aver sostenuto la nomina di Milton Di Sabatino a presidente del consiglio comunale frutto di un accordo politico e l’ho voluto contro tutti e contro tutto.

L’ex Sindaco di Teramo annuncia che non lascerà la politica e ringrazia tutti i cittadini che gli hanno permesso di essere il primo cittadino: «non ce l’ho con nessuno, ringrazio il consiglio comunale tutto, il presidente del consiglio, il mio staff, tutti gli uffici comunali, le istituzioni e li ringrazio per il bel rapporto che si è creato in questi anni e che mi sono stati sempre vicini e tutta la mia famiglia. Io continuo a fare il medico. Ci sarò per il futuro e per la mia città. Ringrazio anche la stampa».

 

 

8 risposte »

  1. Sbraccia con chi stava ?
    Non fu lui il primo dissidente perchè privato di un assessorato conquistato con i voti, poi scivolato a Marco Tancredi ?
    Di Sabatino senza assessorato che cambia gruppo ?
    Micheli ?
    etc
    etc
    etc

    Dove sono i gattiani ?

  2. Tu sin dall’inizio hai scelto di non fare il sindaco è questa la tua maggiore colpa. Tanto è che hai fatto fare subito l’assessore alla Lucantoni per volontà di Gatti e l’assessore a Marco Tancredi perchè fratello di un onorevole entrambi poi dimissionari per incapacità evidenti ai ruoli loro assegnati. Successivamente hai continuato ad assecondare le varie volontà politiche dei leader cambiando assessori e dando dimissioni per poterti rigenerare tanto da fare in modo che chiunque potesse pensare di potere svolgere il ruolo dell’assessore a prescindere da competenze, capacità o altro. La conseguenza fisiologica di tale atteggiamento di inefficienza e anarchia amministrativa da te alimentata e giustificata si è materialmente realizzata con la formazione del gruppo dei dissidenti che andavano già ad aumentare il numero dei consiglieri dichiaratisi fuori della maggioranza eletta a tuo sostegno alle elezioni del 2014 di 21 consiglieri. Hai dovuto soprassedere anche alle volontà di Dodo Di Sabatino e di Teramo soprattutto facendo loro delle concessioni pure di rimanere a galla. In ultimo hai fatto fare l’assessore anche a Canzio pur di fare tornare in maggioranza Sbraccia a prescindere. Non facendo il Sindaco sei riuscito a crearti una opposizione di ben 18 consiglieri sui 33 totali eletti, ma che in realtà con il resto della tua ex opposizione e ex maggioranza erano giunti a 24 consiglieri. Con te erano rimasti effettivamente solo 2 consiglieri di NCD, 2 di F.I., 3 di Teramo Soprattutto, 1 di Insieme per te e tu per un totale di 33 consiglieri eletti in comune. Morale della favola andavi ai convegni a cui eri peraltro invitato ( convegno Cona, Convegno nuovo ospedale, convegno proposta di legge regionale sulla democrazia partecipativa, convegno sul teatro romano) per 30 max 40 minuti facevi il tuo intervento accademico in cui te la suonavi e cantavi dichiarando grandi inesattezze e non verità, inventavi una scusa e andavi via per non rispondere a domande legittime , per evitare di prestarti a discussioni, relazioni o confronti o semplicemente per evitare di ascoltare associazioni o cittadini, (neanche tu fossi il sindaco di Roma o un europarlamentare gravato da importanti impegni istituzionali mentre invero eri solo il sindacuccio di un paese di 50.000 anime). Queste sono le cause del tuo fallimento politico… Medita su te stessoe sulle tue gravi responsabilità e impara che il sindaco o il medico non lo si fa parte-time ma lo si fa a tempo pieno.

  3. Comunque sia andata Sindaco,nel bene e nel male,credo Lei sia stato il riferimento politico teramano più CARISMATICO😉
    Troppi galli nel pollaio teramano…..😢😢😢

  4. Giulioano, immagino che tu conosca i vari Gatti, Tancredi, Lucantoni, Canzio, Sbraccia…..o sei l’ennesimo frustrato da tastiera che scrive tanto per?!?

  5. io devo spiegare ogni giorno a mio figlio perchè ho perso il lavoro per colpa di quelli come te che anno distrutta la nostra città. Vergognati tu e tutti gli altri. Tornate a cercare i voti e vedete i calci in culo che prendete

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...