Attualità

NUOVO SCANDALO AL COMUNE DI TORTORETO MENTRE I CITTADINI VENGONO “VESSATI” COSTANTEMENTE DAI PAGAMENTI SI SCOPRE CHE DALLE CASSE MANCANO 180 MILA EURO

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Nuovo caso di ammanchi dalle casse del Comune di Tortoreto: mancherebbero all’appello quasi 180mila euro di incassi dai buoni pasto per le mense scolastiche venduti negli ultimi cinque anni. Sotto accusa ci sarebbero i rivenditori privati autorizzati dall’ente, che non avrebbero versato in tutto o in parte le somme dovute, ossia l’incasso meno la loro percentuale di guadagno previsti in questi casi. A dare notizia dell’ammanco è stato  lo stesso sindaco Domenico Piccioni a margine della riunione della commissione consiliare urbanistica di martedì sera, organizzata per trattare la questione del nuovo piano regolatore. Il Sindaci dopo averlo annunciato ai consiglieri comunali presenti, tra cui la maggior parte dei capigruppo di opposizione ha deciso poi di non rispondere più al telefono e ai messaggi. Gli ammanchi sarebbero iniziati nel 2012, nella stessa stagione delle polemiche in cui veniva scoperto il caso Saccuti, e poi cresciuto per cinque anni fino a qualche giorno fa, quando l’amministrazione comunale ha deciso di cambiare il sistema di vendita dei buoni pasto, togliendolo ai due rivenditori in questione e affidandolo ad un ufficio comunale e ad uno sportello bancario. A permettere la scoperta dell’ammanco, sarebbe stata un’azione di accertamento dei conti delle ultime settimane, a cui è seguito anche un esposto inviato dal Comune ai Carabinieri di Tortoreto.  L’ammanco dei buoni pasto sembra essersi sviluppato durante quattro diverse amministrazioni comunali: quella Monti che scoprì il caso Saccuti, quella Richi, la gestione commissariale e quella attuale del sindaco Piccioni. Tutto questo mentre i cittadini vengono tartassati da continue richieste di denaro per tarsu e ici non pagati con cartelle di pagamento, molte delle quali saranno impugnate dai residenti per somme non dovute, rivolgendosi agli organi competenti. Il Comune di Tortoreto, purtroppo dall’inizio di questa nuova ammininistrazione, ha iniziato una gran brutta politica di riscossione  che necessiterebbe di grande attenzione da parte degli organi preposti a sovrintendere queste azioni “pesanti” messe in atto dallo stesso Ente Comune senza alcun controllo.

2 risposte »

  1. E si, sono di Teramo, vengo da sempre in estate al mare a tortoreto.5 luglio 2013 : mattina al mare con famiglia e suocera disabile in carrozzina , parcheggio davanti allo stabilimento irene in quello riservato ai disabili. È vero ,avevo lasciato il tagliando nell’altra auto ma Vi posso garantire che quella.mattina i parcheggi erano semivuoti, se potete rintracciare quel.giorno con le telecamere vedete. Un solerte ausiliario del traffico mi fa la multa,.gli.dico del.tagliando e che puo verificare le condizioni di mia suocera. NULLA DA.FARE, HA.FATTO LA.FOTO.E LA MULTA NON SI PUO ANNULLARE. IL.GIORNO.DOPO.mi reco.al.comando dei.vigili con il tagliando: nulla da fare mi dicono la.stessa cosa.quindi pago la multa €89,00’e due punti in meno sulla patente. Allora mi.ci metto.di punta r.scopro.che nei weekend non fanno e o evitano di fare multe. Richiamo i.vigili.e mi dicono che non possono tartassare i.turisti nei fine.settomana.Io probabilmente sono un turista di serie.b……VIVA L,’Italia!!

  2. Conclusione: noi turisti di serie,B paghiamo le tasse nella.nostra città di residenza e dobbiamo far quadrare con i nostri soldi i bilanci delle zone turistiche ,saluti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...