Attualità

BASKET / CAMPLI DOMINA SUL TERAMO E SI REGALA UN BELLISSIMO DERBY DI NATALE

Per sintetizzare il derby tra Campli e Teramo Basket 1960 dovremmo stravolgere il celebre proverbio “il buongiorno si vede dal mattino”, nel caso dei teramani infatti l’approccio positivo al match si è rivelato alla fine non di buon auspicio e alla prima forte spallata dei farnesi non si è vista più una reazione concreta per rientrare in partita.

Di fatto, esteticamente parlando, è stato un derby non bello da vedere perché non giocato punto a punto. Merito del Campli che ha fatto sua la partita a partire della metà del secondo quarto per poi controllare, e in alcuni casi, aumentare il margine di vantaggio.

In casa Teramo, tolto un ottimo primo quarto e la prima metà del secondo, c’è davvero poco da salvare. L’assenza di Milojevic si è fatta sentire però la superiorità in campo dei cugini farnesi è stata netta, sia nelle percentuali di squadra che soprattutto a rimbalzo (37 carambole catturate contro 17).

Va sportivamente reso onore ai ragazzi di coach Piero Millina, il Teramo invece dovrà subito riprendersi e prepararsi al meglio per il prossimo derby contro il Giulianova.

 

In un Pala Borgognoni gremito il derby inizia benissimo per il Teramo, la difesa funziona alla perfezione e Campli fa tanta fatica per trovare la via del canestro. Il metro arbitrale è fiscale fin da subito e il gioco spesso è spezzettato. Al 6’ arriva il primo allungo dei teramani, Staffieri e capitan Lagioia firmano il primo break importante che porta i biancorossi avanti 10-22. Millina chiama time out e il Campli si rifà sotto (16-23 al 9’), un buzzer beater di Salamina dall’arco però chiude il primo quarto sul 20-26.

La sensazione è che si sia partiti bene e con il giusto approccio, ma non durerà molto. L’inizio del secondo quarto è scoppiettante, le squadre rispondono colpo su colpo, il gaucho Musso si accende e al 13’ firma il 29-34, proprio in questo momento il Campli effettua il sorpasso definitivo (firmato da Di Carmine sul 36-34 al 16’), un sorpasso che non verrà più recuperato dal Teramo.

Petrucci, Bolletta e Cantagalli portano i farnesi all’intervallo sul 51-39.

La reazione nella ripresa non arriva, i padroni di casa ripartono con maggiore intensità ed energia. Soltanto Musso prova a tenere in piedi i biancorossi ma le bombe di Burini e Petrucci danno il massimo vantaggio al 28’ sul 75-50. Il Teramo in pratica non c’è più e da lì in poi sarà quasi un garbage time fino al folkloristico “sono stato io l’ingrato” intonato da tutto il Pala Borgognoni sul 94-72 finale.

Per il Teramo è un passo indietro dopo le belle vittorie con Nardò e Ortona, adesso ci sarà la pausa natalizia e bisognerà ricaricare le batterie per ricominciare nel migliore dei modi il girone di ritorno.

 

TABELLINO

 

UNIONE SPORTIVA CAMPLI BASKET 1957 – TERAMO BASKET 1960 94-72

(20-26, 31-13, 27-21, 16-12)

 

US Campli Basket: Angelucci 6, Cantagalli 11, Petrucci 20, Di Carmine 10, Bolletta 11, Serafini 3, Ponziani 18, Burini 15, Alleva, Converso, Miglio. Coach: Piero Millina

Teramo Basket 1960: Lagioia 17, Salamina 11, Musso 16, Cicognani 17, Manente, Piccinini, Di Eusanio, Staffieri 9, Nolli, Errera 2. Coach: Piero Bianchi

Categorie:Attualità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...