Attualità

IL GIALLO DELLA PITTRICE/ LE INDAGINI SI CONCENTRANO SUL CELLULARE DELLA RAPPOSELLI A GIULIANOVA

Il cellulare della pittrice Renata Rapposelli, la 64enne trovata senza vita in una scarpata di Tolentino ad un mese dalla scomparsa da casa, avrebbe agganciato i cellulari di Giuseppe e Simone Santoleri, ex marito e figlio della donna indagati per concorso in omicidio e occultamento di cadavere.
Le celle telefoniche che si trovano lungo la linea ferroviaria Ancona-Giulianova quel 9 ottobre, giorno della scomparsa della donna, hanno tutte agganciato il telefono cellulare della pittrice.
I risultati di questi accertamenti si aggiungono a quelli che già da tempo sono nelle mani degli investigatori e che dicono che il telefonino della donna è diventato irraggiungibile dopo aver agganciato la cella telefonica della stazione ferroviaria di Giulianova. Da quel giorno nessuno ha avuto più notizie di Renata Rapposelli, fino ad un mese dopo quando il suo cadavere è stato ritrovato in una scarpata di Tolentino.

La Procura di Ancona ha aperto un fascicolo per omicidio e occultamento di cadavere e con queste ipotesi di reato ha indagato l’ex marito e il figlio. I due uomini continuano a ripetere che quel 9 ottobre  Giuseppe ha accompagnato Renata fino a Loreto e qui l’ha lasciata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...