Attualità

FONDAZIONE TERCAS/ TERAMO LABORATORIO APERTO AL FUTURO

Il Presidente della Fondazione Tercas, Enrica Salvatore, nell’aprire stamane la Conferenza Stampa che si è tenuta nella sede di Palazzo Melatino a Teramo, per illustrare il Dossier (disponibile online sul sito della Fondazione Tercas) realizzato in occasione della decisione assunta dal Comune di Teramo di partecipare alla competizione per il titolo di Capitale Italiana della Cultura 2020 si è soffermata a sottolineare “il ruolo di convinto sostenitore assunto dalla Fondazione per una iniziativa di cui – con l’intero Comitato Sostenitore – si era apprezzato l’impegno ad investire sulla Cultura come fondamento dello sviluppo della città”.

 

Ha espresso quindi compiacimento per il lavoro svolto grazie alla partecipazione  propositiva  espressa da tutti i componenti del Comitato Sostenitore e alla partecipazione dell’intera comunità’ teramana: quella civile, sociale, economica e soprattutto culturale, in questo caso quella che è stata la  più direttamente interpellata”.

Ha quindi affermato come il Dossier abbia messo a fuoco potenzialità, risorse e possibili attività, atte a sostenere in futuro un percorso di sviluppo socio-culturale a programmazione integrata e partecipata come indicato e suggerito dal  modello del Programma ECoC- European Capital of Culture  che è stato ispiratore della iniziativa del Mibact in Italia quando ha proposto con la legge Art Bonus  la competizione per il titolo di Capitale Italiana della Cultura.

 

Sebbene per Teramo  l‘esito della competizione non sia stato favorevole, ha quindi dichiarato – si ha ragione di credere che esso non debba costituire un atto di resa, ma possa e debba invece costituire il punto di (ri)partenza per una riflessione propositiva di maggiore respiro.

 

Da soggetto “sostenitore” di una candidatura – ha concluso il Presidente – la Fondazione ritiene dunque utile e compatibile farsi oggi soggetto promotore” di un progetto più ampio, innovativo nelle modalità e nei contenuti, fortemente partecipato,  che potrà  e dovrà costituire il quadro di riferimento delle azioni e delle attività da avviare alla luce, anche, di quanto emergerà dai risultati di una analisi commissionata dalla Fondazione alla società Theorema,  ancor prima di sostenere l’iniziativa del Comune di Teramo, per individuare potenzialità e vocazioni per lo sviluppo del nostro territorio.

 

Ha preso quindi la parola il professor Mario Nuzzo – Presidente del Comitato Sostenitore nonché Vice Presidente di Cassa Depositi e Prestiti e Presidente Onorario della Fondazione Tercas  –  che ha invitato a riflettere sulla “importanza delle risorse finanziarie accertate e disponibili  (ancorchè non direttamente e celermente spendibili) individuate grazie al lavoro svolto per la redazione del Dossier (che ammontano  a 192 milioni di euro)  che costituiscono – per la loro entità – uno dei riferimenti certi su cui far leva per l’attivazione di un necessario programma organico all’interno del quale,  valutare fattibilità, tempi, ricadute, sinergie, capacità gestionali richieste,  senza le quali si perpetuerebbe il rischio di realizzazioni incapaci di incidere adeguatamente sulla crescita civile di un territorio.

 

Siamo in presenza di una sfida esistenziale – ha concluso il professor Nuzzo- che bene fa la Fondazione Tercas ad raccogliere con  il convincimento che il futuro non si aspetta, ma si costruisce giorno per giorno.”

 

Sono quindi intervenuti il Rettore dell’Università di Teramo Luciano d’Amico, il Presidente della Provincia di Teramo Renzo di Sabatino ed il Presidente dell’Ance Teramo che hanno dato tutti testimonianza del ruolo di sostenitore svolto dai loro enti ed hanno tutti sottolineato l’importanza di pensare ad una progettazione integrata per lo sviluppo futuro dei territori.

 

Telefonicamente è intervenuto il professor Mauro Mattioli,  Direttore dell’IZSM, che ha annunciato la volontà dell’Istituto ad utilizzare i fondi assegnati dal Masterplan all’interno della città di Teramo.

 

Dopo il suo intervento ha preso la parola il professor Paolo dalla Sega dell’Università di Milano – Direttore del Master di Ideazione e Progettazione di Eventi Culturali,  già commissario della giuria di selezione del titolo di Capitale Europea –  che nel suo intervento ha sottolineato l’importanza strategica delle progettazioni integrate per lo sviluppo delle città e dei territori.

 

Quindi il Presidente ha passato la parola a Luca Borrelli, senior consultant della società di consulenza Gruppo Clas  che, commentando un Video, ha illustrato i contenuti del Dossier “Teramo 2020  Capitale Italiana della Cultura: Laboratorio Aperto al Futuro”, proposta come città della  rinascita di identità e cultura.

Ricerca scientifica e creativa, arte, natura e paesaggio sono i fili che tessono la trama di questo scenario, in cui il passato nobile e orgoglioso si apre ad un futuro sostenibile e inclusivo raggiungibile con il coinvolgimento di tutti, cittadini e istituzioni.

 

“Nel Dossier –  ha affermato –  si è delineata una idea di candidatura intesa come un innesco che, prendendo le mosse da una discussione pubblica intorno alla propria identità culturale, (ri)aprisse un laboratorio di scoperta e divulgazione per la rinascita della città,  intorno a quattro grandi temi”:

Rinascimenti – La città laboratorio come cantiere di ripartenza, come accademia di ricerca di buone pratiche di rinascimento culturale, come epicentro di ricostruzione non solo dell’urbs e ma anche della civitas.

La ricerca scientifica (e creativa)La città laboratorio come campo di diffusione e divulgazione di metodi e competenze scientifiche, bacino di trasferimento di innovazione dalle accademie alle scuole di periferia, dai laboratori alle imprese.

La saggezza della naturaLa città laboratorio quale centro di osservazione e studio delle molteplici dimensioni del rapporto fra uomo e natura, e della possibile applicazione contemporanea di tali esperienze.

Fare città – La città laboratorio come centro di progettazione e creazione della città immaginata, desiderata, ma non (ancora) esistente.

“Il lavoro si era mosso lungo queste quattro grandi direttrici, – ha concluso –  con l’augurio di tutti i partecipanti alla stesura del Dossier che la città avesse comunque deciso di portare avanti, in ogni caso, la visione strategica elaborata in questi mesi e tante delle progettualità messe in campo”.

 

L’Architetto Franco Esposito –  componente del Comitato Tecnico istituito dalla Fondazione Tercas a sostegno dell’attuazione dello studio commissionato dall’ente per l’analisi delle potenzialità del territorio teramano nonché affermato esperto e studioso di urbanistica – nel ricollegarsi alle affermazioni del Presidente della Fondazione ha affermato quanto sia importante  una  riflessione collettiva e soprattutto  l’avvio di un programma organico di (ri)organizzazione territoriale  senza dei quali la comunità cittadina  rischia di smembrarsi ulteriormente, con danni irreparabili per la vitalità di tutto il territorio comunale e provinciale.

“Non sono in gioco solo gli esiti materiali di una ricostruzione e rigenerazione in termine di edilizia –   ha dichiarato – sono invece in discussione i processi esistenziali ed i percorsi di ripresa e sviluppo di una intera comunità, che si trova – sola e smarrita – a dover ridisegnare (prima)  ed affrontare  (dopo) il suo futuro”.

Categorie:Attualità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...