Attualità

SISMA L’AQUILA/ E’ SCONTRO LEGALE SULLE PROVVISIONALI DOPO LA SENTENZA GRANDI RISCHI

 

Nel marzo 2015 la Protezione civile nazionale richiese ai familiari di alcune vittime del terremoto che devastò L’Aquila il 6 aprile 2009, costituitisi parte civile, la restituzione di parte delle somme risarcitorie “provvisionali” decise dal giudice con la condanna in primo grado dei componenti della Commissione Grandi rischi. Era la conseguenza del verdetto in Appello, datato 10 novembre 2014, che riformò la sentenza del 22 ottobre 2012 cancellando la condanna per sei esperti della Grandi Rischi e riducendo la pena per De Bernardinis, vice capo dipartimento Protezione civile all’epoca del sisma. Verdetto poi confermato in Cassazione il 20 novembre 2015. “Si invita e si diffida – recitava l’atto – alla restituzione delle somme percepite e a corrispondere senza indugio, entro 30 giorni dal ricevimento della presente”. I legali difensori delle famiglie, negli anni, hanno risposto con analoga istanza, chiedendo il risarcimento totale del danno, visto che la provvisionale è al massimo del 40%, con la minaccia di agire civilmente qualora lo Stato non ottemperasse. Dal canto suo, la Presidenza del Consiglio dei ministri, vista la mancata risposta alla diffida, che aveva valore di messa in mora, e a successivi solleciti, si è rivolta al Tribunale dell’Aquila per recuperare le somme. Ad alcuni familiari sono quindi arrivate in questi giorni citazioni in giudizio per le quali sono già state fissate le udienze. Complessivamente sono circa 2,5 i milioni richiesti alle famiglie che avevano incassato la provvisionale. Alle reazioni polemiche scaturite il 28 marzo 2015 con la richiesta alle famiglie seguì subito una nota della Protezione civile: “Lo Stato non sta battendo cassa, ma semplicemente applicando la sentenza rispettando i tempi indicati”. E l’allora capo Dipartimento Franco Gabrielli – che fu prefetto dell’Aquila durante l’emergenza sisma nel 2009 – commentò, lo stesso 28 marzo: “Ogni azione è stata intrapresa sulla base del conforme parere dell’Avvocatura Generale dello Stato, alla quale dubito si possano insegnare le argomentazioni giuridiche”. I solleciti della Presidenza del Consiglio successivi alla prima messa in mora del marzo 2015 sono stati inviati anche di recente attraverso la Protezione Civile ora guidata da Fabrizio Curcio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...