Attualità

STAMPONE A SEUL “RIPENSA” IL FUTURO DELLE CITTA’ ….”LIQUIDE”

C’è anche Giuseppe Stampone, artista teramano di grandissimo talento, tra le firme della biennale di Seul, con la sua mappa interattiva. Il tema è quello dell’architettura etica e della relazione tra globalizzazione e natura. “Le persone a Seul sono molto attente al verde, ma – allo stesso tempo – hanno l’ossessione della tecnologia. Ho chiesto quindi agli artisti di lavorare insieme per creare possibili strategie di tutela della vita attraverso la natura. – ha detto stampone – Nel frattempo ho costruito un archivio per disegni della flora e della fauna di Seul”. Il progetto di Stampone è all’interno della sezione curata da Helen Hejung Choi, docente universitario in Corea del Sud. Intitolato Commoning Cities, pone domande e cerca di dare risposte rispetto allo stato attuale e al futuro prossimo delle città. “Per me gli spazi pubblici”, ha continuato l’artista teamano, “sono ambienti liquidi. Come spiega la fisica quantistica l’uomo vede ciò che pensa e ognuno ha il suo punto di fuga. L’architettura è quindi creata da ciò che l’uomo pensa. È importante lavorare su questi temi, soprattutto per le nuove generazioni”

Categorie:Attualità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...