Attualità

TORNA IL PREMIO BORSELLINO, 87 OSPITI, DIBATTITI E INCONTRI…PER COSTRUIRE UN’ITALIA PIU’ GIUSTA

Oggi,  alle ore 11 presso la sala giunta del Comune di Pescara sarà presentata la 22ª edizione del Premio Nazionale per la legalità e l’impegno sociale e civile da 25 anni dedicato alla memoria di Paolo Borsellino. Il tema per il 2017 è “L’eredità di Falcone e Borsellino ”.

Saranno presenti: Marco Alessandrini (Sindaco di Pescara) Oscar Buonamano (coordinatore del premio Borsellino) Gabriella Sperandio (Presidente della associazione Falcone e Borsellino), Alessandra Di Pietro (dirigente IPSSAR “De Cecco”).

Il programma dei 10 giorni della rassegna – dal 18 al 28 ottobre – è ricco di 87 ospiti, con 16 momenti di incontro nelle scuole e università con giornalisti, scrittori, magistrati e testimoni del mondo antimafia, lo spettacolo “Mala’Ndrine” prodotto dal Premio Borsellino, e la prestigiosa cerimonia di premiazione .

Gli incontri di quest’anno si interrogheranno su cos’è rimasto del percorso di Falcone e Borsellino. Con i giornalisti RUOTOLO, BOLZONI, LO BIANCO, RIZZA, DI NICOLA, ABBATE, CORRADINO, D’AMORE E BORROMENTI ci chiederemo se il loro percorso non rimane: continua. E continua non a parole, ma nei fatti. Con i familiari di GRASSO, MATRANGOLA, LA TORRE, CUCCHI, ALPI spiegheremo ai giovani che la memoria di Falcone, di Borsellino, come di tutte le vittime innocenti delle mafie si fonda sull’impegno. Con i magistrati PRESTIPINO, SABELLA, MARUCCIA, PETRALIA, GUARNOTTA proveremo a far capire perché le persone non sono morte per essere ricordate ma perché credevano in un ideale di giustizia che sta a noi raccogliere e vivere fino in fondo. Le loro sono memorie scomode, che ci sollecitano ogni giorno dell’anno, in ogni istante della nostra vita, non solo in occasione degli anniversari e delle ricorrenze. con i giorni quest’anno L’indifferenza e la rassegnazione sono la malattia mortale da sconfiggere.

Chiede a ciascuno di noi di contribuire perché la vita sociale sia per tutti libera e dignitosa, perché i diritti abbiano la meglio sui privilegi, e le aspirazioni dell’“io” confluiscano nelle speranze del “noi”. Ci sono due cose che come cittadini non ci sono permesse: la prima è ubbidire alle ingiustizie, la seconda è rendercene complici attivamente o passivamente, attraverso l’indifferenza, la rassegnazione, la superficialità. L’impegno contro la mafia non è solo politico, ma anche culturale ed educativo.

L’indifferenza, l’anestesia delle coscienze, la rassegnazione, la delega. È necessario risvegliarci. Ma indignarsi non basta più: occorre darsi da fare. Nella consapevolezza che l’impegno è, con la relazione, l’essenza di una vita libera. E che il primo compito che la vita ci affida è quello d’impegnarci per chi ancora libero non è.

SCARICA IL PROGRAMMA Programma_XXV PNPB

Categorie:Attualità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...