Attualità

#IOSTOCONLUCA… E ASPETTO DI VEDERE COME LA TEAM CI RIPULIRÀ DALL’OMOFOBIA

Era inevitabile. In una città nella quale, per mesi, i politici cittadini hanno cercato di capire chi ce l’avesse più lungo, in un miserabile gioco “maschio” che appartiene, da sempre, al retaggio fallocrate delle oligarchie che ragionavano usando l’altra testa, era inevitabile che la caduta di Brucchi fosse accompagnata dal vomito diffuso, dal rigurgito d’odio di chi, uso ad obbedir tacendo (pur senza vestire un’onorata divisa) adesso si sente in dovere di parlare. E lo fa in rete, con la forza di una tastiera e una visibilità che la vita, altrimenti, gli nega. Lo fa magari commentando un post simpatico, come quello dell’amico LUCA BOSCHI, che è arguto creatore di effetti verbali, che sfodera oggi un “bruxit” a commento della fine dell’era Brucchi. Tra le voci di dissenso brilla, per acume argomentativo, quello di tale signora Annarita Di Giannatale, che difende il Sindaco dicendo che “il bello di Maurizio Brucchi è che sarà per tutta la vita un uomo vero, mai un frocio o un trans”. Tanta delicata ironia, la signora Di Giannatale la riserva alla sessualità di Luca Boschi che, in una discussione sul Sindaco, ormai ex, è argomento di nessun valore. Io non so, perché la signora Di Giannatale (che ricordo nella segreteria di un onorevole…) e che oggi lavora alla TeAm, si sia sentita in dovere di insultare Luca Boschi. Ma gli insulti, si sa, sono sempre lo specchio profondo delle qualità umane e culturali di chi li pronuncia, però mi interessa sapere quale sia la posizione della TeAm, che è una partecipata a maggioranza pubblica, che non può e non deve tollerare atteggiamenti omofobi. E siccome appartengo alla lista di quelli che pagano gli stipendi della TeAm, quindi anche quello della signora Di Giannatale, pretendo di sapere cosa intendano fare presidente e Ad nei confronti di una dipendente che considera giusto non solo offendere “froci e trans”, che già sarebbe atroce, ma soprattutto difendere questa amministrazione. Che è, questo sì, davvero imperdonabile.

#iostoconluca

ad’a

Categorie:Attualità

3 risposte »

  1. la signora di giannatale lavorera sicuramente con la moglie di brucchi e solo un atto di solidarieta verso una collega e adesso come fara brucchia dire al figlio che non e piu sindaco di teramo davvero vomitevole ci sono genitori che non sanno come dire al filgio che non possono mangiare non aggiungo altro

    • Qando leggo di un adulto che per puro atto commovente tira in ballo il figlio, da padre spero di non comportarmi mai così.

  2. La signora è stata sempre un’attivista, spendendo miliardi e miliardi di parole. Magari potrebbe usarne qualcuna per raccontarci quale percorso ha sostenuto per essere assunta dalla TEAM.
    Altro punto mai chiarito da Brucchi riguardo l’assunzione della moglie, ora “dirigente” del cimitero.
    Per caso è il capo della Di Giannatale ?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...