Attualità

CIVITELLA DEL TRONTO/ IL CONSIGLIERE TUCCI SCRIVE UNA LETTERA APERTA SUI FONDI PER LA FRANA DI PONZANO

Lettera aperta al  Sindaco di Civitella da parte del consigliere Stefano Tucci sui fondi non ancora utilizzati sulla frana di Ponzano.

Tucci scive che: «non avendo ricevuto risposta, dopo quasi 3 mesi, alla precedente lettera aperta  torno con determinazione a sottolineare la gravità del mancato intervento di “Messa in sicurezza del movimento franoso e riduzione rischio idrogeologico dell’abitato di Villa Carosi”, località colpita dalla tragica frana dello scorso mese di febbraio.

L’Ufficio del Commissario Straordinario delegato per l’attuazione degli interventi urgenti e prioritari di mitigazione del dissesto idrogeologico nella Regione Abruzzo aveva previsto un intervento di €750.000,00 per la “Messa in sicurezza movimento franoso e riduzione rischio idrogeologico abitato di Villa Carosi” (lei ne era a conoscenza sin dal 24 giugno 2013 quando veniva conferito incarico di collaborazione a tecnico interno al Comune di Civitella del Tronto per l’espletamento dei compiti relativi alle attività di supporto al Responsabile del Procedimento).

Il contratto d’appalto è stato stipulato in data 13 luglio 2015 a rogito del notaio Di Pierdomenico di Pescara col Rep. 36912, ma i lavori non sono mai partiti. Perché?

Come mai non ha sollecitato l’esecuzione dei lavori? Lei non ha fatto nulla.

Già dal suo insediamento, nel maggio 2013, lei aveva a disposizione € 659.695,56 per interventi di mitigazione del rischio di fenomeni franosi in atto nella frazione Villa Carosi (finanziamento statale).

I 659.695,56 € sono stati portati a residuo nei successivi anni 2013, 2014, 2015 e 2016. Come spiega questa inettitudine ai cittadini di Ponzano e a tutti gli elettori di Civitella del Tronto?

Appare ancor più sconcertante il fatto che nello schema di piano triennale per i lavori pubblici 2013/2015 tale intervento veniva inserito nell’ultimo anno (2015), nel piano 2014/2016 veniva inserito nell’ultimo anno (2016), nel piano 2015/2017 veniva inserito nell’ultimo anno (2017) e nel piano 2016/2018 veniva inserito nell’ultimo anno (2018).

Dopo che si è verificata la frana, nel piano triennale per i lavori pubblici 2017/2019, invece, l’intervento è stato anticipato al secondo anno (2018), pur sapendo che ora la zona è off-limits. Tale modifica è del tutto simile al caso del bovaro imprevidente che chiude la stalla quando i buoi sono scappati.

Avendo a disposizione complessivamente quasi 1 milione e mezzo di Euro perché, se riteneva non fosse sufficiente, non ha chiesto ulteriori finanziamenti? Lei non ha fatto mai nulla, nulla, solo e soltanto nulla!

Con la grande lucidità che la contraddistingue, come mai non le è passato neppure per l’anticamera del cervello di affrontare il problema della frana di Ponzano, visto che era arcinoto», conclude Tucci.

Categorie:Attualità

Con tag:,,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...