Attualità

FALLIMENTO CIRSU/ CHIESTO IL PROCESSO PER L’EX PRESIDENTE DI MATTEO ED ALTRE SETTE PERSONE

La procura di Teramo chiede il processo per le otto persone indagate nell’ambito dell’inchiesta sul fallimento di Sogesa.

A dover rispondere di bancarotta fraudolenta patrimoniale i tre componenti dell’allora cda di Cirsu e Sogesa Angelo Di Matteo, Diego De Carolis e Andrea Ziruolo, oltre ai due consulenti Mery Pistillo e Lorenzo Giammattei. L’accusa di bancarotta preferenziale è invece contestata all’ex presidente del cda di Sogesa Gabriele Di Pietro, all’ex amministratore delegato di Sogesa Giovanni Marchetti e all’allora presidente del cda e ammistratore delegato di Deco Paolo Tracanna.

Secondo l’accusa, dopo l’acquisizione da parte di Cirsu anche delle quote di Aia in Sogesa (avvenuto a fine 2011), con la società diventata interamente pubblica e con i due cda a quel punto coincidenti, i vertici del Cirsu avrebbero occultato la maggioranza dei 3 milioni di crediti vantati da Sogesa nei confronti del consorzio, disconoscendoli, anche sulla scorta di una consulenza affidata a Pistillo e Giammattei, con un accordo transattivo con il quale venivano riconosciuti a Sogesa appena 431mila euro circa.

Un duro colpo per la società, che il 26 giugno 2012 fu dichiarata fallita.

Un’ipotesi quella di bancarotta, ma questa volta preferenziale, che la procura contesta anche all’ex presidente e all’ex amministratore delegato di Sogesa Gabriele Di Pietro e Giovanni Marchetti, ai vertici della società quando era ancora a capitale misto pubblico privato, accusati di aver effettuato pagamenti per circa 689mila euro in favore di Deco prima del fallimento Sogesa, in un momento in cui quest’ultima versava già in uno stato di dissesto finanziario. Accusa che la procura contesta in concorso anche all’allora amministratore delegato di Deco Paolo Tracanna che, proprio in virtù della partecipazione di Deco in Sogesa attraverso Aia, sarebbe stato a conoscenza dello stato della stessa.

Sempre a Di Pietro e Marchetti viene contestata un’altra ipotesi di bancarotta preferenziale per aver pagato, nello stesso periodo, circa 320 mila euro ad altre due aziende.

A far partire le indagini era stato un esposto presentato all’epoca dall’ex presidente del Cirsu Angelo Di Matteo, poi finito tra gli indagati. A decidere se mandare gli otto a processo sarà nelle prossime settimane un giudice.

Categorie:Attualità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...