×

Avviso

Non ci sono cétégorie
 
Schermata_2020-10-22_alle_18.50.24.png
 
 Sarebbe stata sufficiente una memoria di breve termine, infatti, per ricordare come il governo regionale guidato da Luciano D’Alfonso, appena tre anni fa, ebbe modo di varare nelle more del Masterplan, un articolato progetto di riqualificazione di otto autostazioni regionali, con un investimento di 5 milioni di euro. Tra quei progetti, c’era anche il rifacimento complessivo dell’area del terminal di piazzale San Francesco.
 
Così scriveva la nota ufficiale della Regione l’8 maggio del 2017 “Otto interventi mirati a riqualificare e ammodernare il sistema regionale dei trasporti con particolare riguardo alla ricettività delle autostazioni che verranno dotate di servizi innovativi (wi-fi, bar e ristorazione). Sono in alcuni casi aree già adibite a terminal e piazzali di sosta, che potranno essere oggetto di miglioramento o realizzati ex-novo; nel Masterplan Abruzzo sono previsti 5 milioni di euro”
 
Tra gli otto progetti, come detto, c’era anche il ripensamento funzionale di tutto piazzale San Francesco a Teramo, del quale ieri, con l’ormai acclarata predisposizione a farsi vanto dei meriti altrui, la destra abruzzese ha cercato di appropriarsi, offrendoci ancora una volta la pietosa passerella di chi si gloria di una medaglia che nulla ha fatto per conquistare. E' quanto sostiene  MANOLA DI PASQUALE Presidente PD Abruzzo.

 

ASCOLTA MANOLA DI PASQUALE

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni