×

Avviso

Non ci sono cétégorie

PRESIDE-ISOLA-DEL-GRAN-SASSO-e1586427132905.jpg

Accade ad Isola del Gran Sasso. Nella scuola primaria e secondaria diretta da Giovanna Falconi. La dirigente ha intenzione dopo aver sanificato la scuola di far entrare i genitori a scuola per farli votare in presenza e non, come accade in tutte le scuole on line.

I genitori tuonano contro la dirigente e scrivono a Maria Cristina Di Nicola denunciando i fatti:
 
«Gent.ma DS, in seguito alla Sua Preg.ta prot.0005816 del 26/10 in riferimento alle elezioni dei rappresentanti di classe, sono a chiederle, in nome e per conto dei rappresentanti di classe attualmente in carica dei plessi dell'Infanzia, della Primaria e della Secondaria di Isola del Gran Sasso, delucidazioni in merito alla modalità IN PRESENZA scelta dall'Istituto per l'espletamento della votazioni.
Come Lei saprà, un numero cospicuo di genitori si trova attualmente in condizioni di isolamento fiduciario o in regime di quarantena.
Nello specifico si richiedono chiarimenti su come l'Istituto possa garantire il diritto di voto per i soggetti sopracitati, impossibilitati a recarsi a scuola per votare.
Facendo riferimento al DPCM del 24 ottobre, pubblicata in Gazzetta Ufficiale in data 25 ottobre, nel quale si legge "Il rinnovo degli organi collegiali delle istituzioni scolastiche può avvenire secondo modalità a distanza nel rispetto dei principi di segretezza e libertà nella partecipazione alle elezioni.", si chiede come sia possibile che il nostro Istituto, invitandoci a votare in presenza, non tuteli la libertà e il diritto di TUTTI noi genitori di poter esprimere il proprio voto.

Siamo tutti concordi nel riconoscere l'importanza e il valore della componente dei genitori rappresentanti di classe e siamo certi che l'Istituto si possa attivare al fine di garantire a tutti questa componente di rappresentanza, e non rappresentatività. Con la presente, in conclusione, chiediamo all'Istituto di attivarsi entro il termine perentorio del 31 ottobre ad organizzare delle elezioni in modalità on-line, al fine di garantire a noi genitori, oltre che ai nostri bambini e ragazzi, un anno scolastico il più possibile sereno e sicuro.
Altrimenti la mancata presenza degli stessi non potrà essere letta come un disinteresse da parte dei genitori, bensì come un impedimento di carattere oggetivo al quale Lei stessa non ha saputo ovviare.
In attesa di una positivo riscontro, saluto cordialmente».

Al momento non è accaduto nulla mentre una seconda lettera sta per partire all'indirizzo del provveditorato e non solo.

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni