×

Avviso

Non ci sono cétégorie
Un appalto da 4milioni 966mila euro. E' l'importo stabilito dalla Asl di Teramo per la base d'asta che dovrà individuare chi gestirà, per tre anni, il servizio antincendio, gestione delle emergenze e lotta antincendio, salvataggio e prevenzione rischio esplosioni delle strutture sanitarie di Teramo e provincia. Gestione che oggi è in capo a GSA, il Gruppo Servizi Associati di Roma. L'ammontare dell'appalto e le procedure che gli uffici di Circonvallazione Ragusa dovranno attivare per l'indizione della gara di livello comunitario sono stati dettagliati nella delibera 187 dello scorso 18 febbraio. Poco più di una settimana dopo, il 26 febbraio, la Asl ha deliberato la proroga del servizio a GSA, cui l'appalto anti-incendio era stato affidato, non senza un corollario di polemiche, a luglio del 2013. La proroga sarà di sei mesi. E la Asl ha prenotato una spesa di oltre 578mila euro (578.490,63 euro). L'attuale appalto infatti era previsto per una durata di sei mesi, eventualmente prorogabili di ulteriori sei mesi, in attesa di predisporre un nuovo bando di gara per l'affidamento pluriennale del servizio. E così è stato. La proroga è a decorrere dallo scorso 5 febbraio. In questo semestre la Asl di Teramo conta di espletare la gara europea per affidare l'appalto. E l'importo per il triennio è di poco meno di 5 milioni di euro. La Gsa si era vista affidare la gestione dei servizi antincendio delle strutture sanitarie della Asl, in capo fino alla primavera del 2013 alla ditta Cge srl di Rocca Santa Maria, per un importo di euro 349.832 (pari al 45% di ribasso sull'importo a base d'asta di euro 640.000). Ribasso, anch'esso, oggetto di contestazioni da parte dei sindacati. fagnano

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni