R+News Diretta Streaming

Diretta Live Streaming

chiudi
×

Avviso

Non ci sono cétégorie

papericidioLutto cittadino oggi a Teramo. Bandiere a mezz’asta negli uffici pubblici, orario ridotto nelle scuole, negozi con le serrande abbassate a metà. La città si stringe commossa al dolore che ha colpito l’assessore Valdo Di Bonaventura il quale, già duramente provato dalla perdita di un cigno, ucciso da un cane randagio, adesso deve patire un altro immenso dolore, quello della morte di una papera, uccisa, anzi: assassinata - secondo il resoconto del fido portavoce dell’assessore - da una baby gang. Teramo violenta. Teramo malvagia. Teramo perduta. Il papericidio della Villa Comunale ha immediatamente fatto il giro del mondo, e da ogni angolo della Terra sono giunte all’assessore teramano testimonianze di sincera solidarietà. Tra tutte, la più commovente è stata quella del Sindaco di Paperopoli, che ha scritto una toccante lettera al buon Valdo, nella quale annuncia la presenza ai funerali di una delegazione paperopolese guidata da Qui, Quo e Qua, mentre Zio Paperone, in un gesto di inusuale magnanimità, ha deciso di farsi carico della realizzazione di un monumento funebre, che ricordi la papera brutalmente assassinata. Le spoglie mortali del fiero animale barbaramente trucidato, sono state pietosamente affidate ai curatori della Sagra dei Maccheroni al sugo di papera di Montegualtieri di Cermignano, che provvederanno a dargli una degna sistemazione. In città, come detto, è vivo lo sconcerto. Sul cancello della Villa, che resterà chiusa in segno di lutto, giù in moltissimi stanno lasciando mazzi di fiori e messaggi d’affetto per la povera papera, ma di pari passo si stanno scatenando le polemiche politiche. Lo stesso assessore Di Bonaventura, infatti, aveva annunciato l’arrivo di telecamere di sorveglianza che avrebbero garantito la sicurezza alla Villa. Dove sono? E le fototrappole annunciate con grande enfasi, che avrebbero dovuto combattere gli abusivi dello scarico dei rifiuti? Dove sono? Passato il lutto per il papericidio alla Villa, potrebbe per cortesia l’assessore elencare esattamente quali siano i risultati del suo quasi primo anno di attività? Lui, che per anni, da oppositore, ha costantemente attaccato tutti gli assessori alla manutenzione, criticandoli per lo stato degli asfalti, potrebbe spiegare per favore ai cittadini quanto sia migliorato l’asfalto teramano da quando è arrivato lui in quello stesso assessorato? Intanto, per evitare che si allunghi la lista dei lutti nel laghetto della Villa, proponiamo di incaricare della sorveglianza qualcuno che abbia capacità e interessi specifici, qualcuno che sappia muoversi nell’ombra e agire in segreto. Un nome solo: Paperinik. Solo lui può salvarci.

valdocigno

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni