R+News Diretta Streaming

Diretta Live Streaming

chiudi
×

Avviso

Non ci sono cétégorie

Tre presidenti di Regione, Ottaviano Del Turco, Gianni Chiodi e Luciano D'Alfonso come massima autorità di protezione civile; l'organo politico in materia, vale a dire i quattro assessori alla protezione civile che si sono susseguiti dal 2007 al 2017, Tommaso Ginoble (2005- 2008), Daniela Stati (gennaio 2009-agosto 2010), Gianfranco Giuliante (2011-2014) e Mario Mazzocca (dal 2014) e poi, a cascata, direttori e dirigenti del dipartimento di Protezione civile di quegli stessi anni, quali Carlo Visca (direttore del dipartimento dal 2009 al 2012), Vincenzo Antenucci (dirigente Servizio prevenzione rischi e coordinatore del Coreneva dal 2001 al 2013) e Giovanni Savini (direttore del dipartimento di protezione civile per tre mesi nel 2014) che avrebbero dovuto rispettivamente curare e realizzare l'attuazione del programma di prevenzione; oltre al responsabile della sala operativa della Protezione civile, Silvio Liberatore, e al dirigente del servizio di Programmazione di attività della protezione civile Antonio Iovino: sono dodici i nuovi indagati dalla Procura per concorso in disastro colposo (eccetto Liberatore e Iovino), omicidio colposo e lesioni colpose in relazione alle 29 vittime della valanga di Rigopiano.

Dodici nomi attraverso cui, dopo i 23 indagati dei mesi scorsi e i relativi interrogatori, la Procura mira adesso a ricostruire la gestione della prevenzione. In particolare, a individuare eventuali responsabilità nella mancata realizzazione della Carta di localizzazione del pericolo da valanghe richiesta dalla legge regionale del 1992.

Su questo concetto i magistrati stanno cercando di capire se individuando il pericolo di valanghe a Rigopiano, come già la carta storica redatta nel 2006 indicava, la Carta di localizzazione dei pericoli valanghe (Clpv) si sarebbe potuto impedire l'ampliamento dell'hotel nel 2007 o si sarebbe potuto imporre la chiusura invernale della struttura. Oppure, si sarebbe potuto disporre misure adeguate, sia pur costose, misure di sicurezza. E i morti di Rigopiano, a prescindere dalla strada bloccata dalla neve per cui deve rispondere tra gli altri il presidente della provincia Antonio Di Marco e da tutti i ritardi nella gestione dell'emergenza affidata in primo luogo al prefetto Francesco Provolo (entrambi già indagati), non ci sarebbero mai stati.

Invece, sostengono gli investigatori, la carta di localizzazione è stata bloccata sul nascere. Perché la carta storica delle valanghe redatta da una società privata per conto della Regione nel 2006, sarebbe rimasto chiuso in un cassetto per sette anni.

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni