R+News Diretta Streaming

Diretta Live Streaming

chiudi
×

Avviso

Non ci sono cétégorie

aggressioneIl Ferragosto appena trascorso non è stato per tutti una festa di amicizia e di spensieratezza. L'Arcigay Teramo ha ricevuto una rara, quanto importante #testimonianza di cosa è accaduto il 15 agosto in un noto ristorante della costa, affollato di oltre 150 persone. Un ragazzo che assieme al suo compagno era assieme ad altri amici ed amiche a pranzo è stato protagonista suo malgrado di una grave aggressione violenta di stampo omofobico. La vicenda è quella di Nicola, lo chiameremo così. Mentre era in fila con altre persone per fruire della toilette, due ragazzi in coda con lui hanno cominciato ad indicarlo e poi a sbeffeggiarlo sempre più insistentemente, fino a quando uno dei due, visibilmente ubriaco, gli ha detto: "ma tu qua pisci?", mentre lo toccava con piccole spinte provocatorie. A quel punto il bagno si liberava e Nicola tentava di entrare per rifugiarsi, ma i due trattenevano la porta riaprendogliela violentemente e uno dei due sembrava voler passare addirittura alla violenza fisica. Nonostante ciò, Nicola è riuscito a chiudersi a chiave e ha dovuto attendere che si placassero le urla oltre la porta: "ero troppo terrorizzato per poter uscire e sono stato costretto a rimanere chiuso per dieci minuti, anche perché le grida non accennavano a diminuire". Ed è a questo punto che il fatto prende una piega anche peggiore, quando all'apertura della porta Nicola si è trovato davanti il titolare della struttura che lo ha invitato a seguirlo per rientrare nell'area ristorante dal retro, umiliando ulteriormente Nicola: "mi ha fatto sentire sbagliato, invece di dirigere la sua azione per riprendere i due aggressori". Anzi, il titolare si è anche avvicinato alla tavolata numerosa di Nicola dicendo a tutti, alterati per l'accaduto raccontato dall'amico, assolutamente fuori dai comuni limiti della civiltà: "se foste intelligenti, lascereste correre". L'episodio omofobico che Arcigay porta all'attenzione dell'opinione pubblica, merita di essere denunciato con le parole di Nicola: "Caro titolare, l'intelligenza di fronte all'ignoranza non può tacere, altrimenti ci si abitua alla mediocrità spacciandola per normalità". Grazie Nicola.

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni