R+News Diretta Streaming

Diretta Live Streaming

chiudi
×

Avviso

Non ci sono cétégorie

L’Assessore provinciale all’edilizia scolastica, Ezio Vannucci, replica alle proteste e alle problematiche sollevate dal neonato gruppo DocentiScontenti di Roseto,circa lo stato di salute degli edifici scolastici superiori del posto. E, in una nota ufficiale, elenca le posizioni, Istituto per Istituto, dell'Amministrazione provinciale. Vannucci inizia dall'edificio di Voltarrosto: “E’ certamente vero che da anni questo edificio presenta dei gravi problemi al tetto, che ha diverse infiltrazioni di acqua in occasione di piogge persistenti. E’ altrettanto vero, però, che dopo gli ultimi due sopralluoghi effettuati nella primavera e nell’autunno 2013, la Provincia si è impegnata a intervenire in maniera per risolvere le criticità riscontrate e la decisione era stata comunicata in maniera ufficiale alla Preside dell’Istituto,  Elisabetta Di Gregorio”.

ProvinciaL'assessore ricorda che i problemi ai tetti dell'edificio e della palestra derivano da criticità nella costruzione e dunque, per eliminare le infiltrazioni, “era necessario progettare la realizzazione del tetto nuovo. Qualsiasi intervento tampone, non avrebbe sortito alcun effetto”. Idem, per quel che riguarda le infiltrazioni in palestra, nonostante i lavori fatti nel 2011 con le risorse del Patto dei Sindaci: “Abbiamo spiegato alla Preside che anche nel caso del tetto si sarebbe dovuti intervenire “coprendolo” per tutta la sua larghezza con delle serre fotovoltaiche (pannelli leggeri per la produzione di energia elettriche dell’ultima generazione) in modo tale da avere due effetti virtuosi : la integrale copertura del tetto dalla pioggia e la produzione di energia elettrica da fonte pulita e rinnovabile”. Le risorse al riguardo sono datate novembre 2013 quando si è concordato, di giunta, di “utilizzare a questo scopo 750mila euro di residui di bilancio per dare una soluzione definitiva a questi innegabili ed ormai non più procrastinabili problemi della scuola di Roseto”. Prosegue l'assessore: “E’ ovvio - e la cosa era stata riferita alla Preside e per questo stupisce ed amareggia il suo atteggiamento - che i lavori non possono che essere eseguiti in estate, perché è chiaro che gli interventi sul tetto non possono essere fatti durante l’anno scolastico”. Si chiede Vannucci: “Pertanto, che senso ha inscenare una polemica adesso sulle infiltrazioni? Mostrare al giornale le foto di danni che tutti conosciamo benissimo e per i quali ci stiamo siamo adoperando?” E incalza: “Avremmo forse dovuto chiudere l’edificio e dichiarare al Prefetto ed al Provveditore che – non avendo ricevuto nessuna risorsa per la manutenzione da parte della Regione (così come recita testualmente la legge 23/96) – non eravamo nelle condizioni di potere assicurare la agibilità e anche la semplice fruibilità della scuola?”. Spiegazion, tiene a ricordare Vannucci, che erano state date “alla Preside dal Dirigente nel corso di un colloquio telefonico avvenuto lunedì 23 febbraio 2014, dopo che la stessa aveva letto in un quotidiano locale le somme che le varie province avevano comunicato al Governo per eventuali progetti da realizzare. Dal momento che la Preside lamentava il fatto che dall’elenco comunicato al giornale dall’UPI Abruzzo, la Provincia di L’Aquila aveva presentato diversi progetti per 80 milioni di euro e la Provincia di Teramo un solo progetto per 600mila euro, le era stato risposto che la Provincia di Teramo – forse non casualmente – era l’unica in Abruzzo ad aver presentato un progetto poi finanziato con il Decreto del Fare proprio perché disponeva di progetti immediatamente “cantierabili, cioè corredati di progettazione definitiva ed esecutiva”. Pertanto, sapendo tutto questo, si chiede l'assessore: “Come mai la Preside non lo ha spiegato nel corso dell’incontro? E se anche non voleva assumere una posizione per mantenere la sua terzietà, non poteva invitare il sottoscritto Assessore o il Dirigente all’incontro per fornire chiarimenti e spiegazioni?Sembra evidente che ha giocato a forzare la mano dimostrando una certa insensibilità nei confronti sia dell’Amministrazione, che dei tecnici della Provincia, che si sono prodigati nel trovare costantemente le migliori soluzioni, mettendo a disposizione la loro professionalità anche oltre l’orario di lavoro”, conclude.

 

 

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni