×

Avviso

Non ci sono cétégorie

 WhatsApp_Image_2021-02-26_at_11.39.28.jpegWhatsApp_Image_2021-02-26_at_11.39.281.jpegE' finito in manette, a seguito di un'inchiesta dell'Arma coordinata dal sostituto procuratore Davide Rosati, un vicebrigadiere in servizio a Teramo. Stando alle accuse, avrebbe spacciato cocaina per un ammontare medio tra i 300 e i 500 grammi al mese. I suoi clienti, sempre stando alle risultanze investigative, erano liberi professionisti, imprenditori locali ma anche operai e impiegati. L'attività si svolgeva non solo nel capoluogo ma anche a Basciano, Torricella Sicura, Penna Sant'Andrea. In arresto anche altre due persone.

Si tratta del vicebrigadiere: Franco Caviti, 51 anni, in servizio alla stazione di Castelnuovo Vomano. Sembrerebbe che spacciasse in particolar modo nella zona di Val Vomano.

Gli altri arrestati sono Roberto Tarquini, 46 anni, e Antonio Tortella, 36 anni, entrambi già noti alle cronache e individuati come coloro che vendevano lo stupefacente al vicebrigadiere.

GUARDA IL SERVIZIO QUI E SU R115

 

 

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni