×

Avviso

Non ci sono cétégorie
“Anche se mi vedete in video e con questa barba lunga...tranquilli...non sono Bin Laden”. Ci hanno provato e ci sono parzialmente riusciti i sostenitori di Davide Rosci, il leader di Azione Antifascista Teramo ai domiciliari e candidato nella lista regionale a sostegno del candidato governatore Maurizio Acerbo con Rifondazione Comunista. Il collegamento durante il comizio di Acerbo in piazza era stato autorizzato dalla Corte d'Appello dell'Aquila (dopo un primo diniego nel corso di questa campagna elettorale) ed è riuscito solo per metà, consentendo ad amici, sostenitori e familiari intervenuti in Piazza Martiri della Libertà almeno di ascoltare Davide Rosci. Audio si, video no per un difetto di connessione tentato tramite Skype. Ma basta appena il saluto di Rosci a far scoppiare il primo caloroso applauso e quel “Davide libero” cantato dai componenti del Comitato elettorale nato proprio per prestare la voce proprio a Rosci, condannato a sei anni di reclusione per l'assalto al blindato dei carabinieri nell'ottobre del 2011. Durante il comizio Davide ha ricordato la propria vicenda personale e giudiziaria: “Non ci piegheranno, noi resisteremo fino alla fine...”, ringraziando tutti per gli innumerevoli “gesti di solidarietà” manifestatigli durante la carcerazione a Teramo e la peregrinatio in altri penitenziari di Italia (“Durante l'isolamento nel carcere di Viterbo ho creduto di morire...”, ricorda Davide). Gesti che “mi hanno sempre dato la forza di andare avanti...”: a cominciare da quelle lettere che, puntualmente, gli sono arrivati in carcere e “grazie alle quali non mi sono arreso”. Da candidato alla Regione, Davide è tornato a denunciare le norme che lo costringono alla detenzione e ha invitato tutti non solo al voto di domenica ma soprattutto a rimanere “uniti, soprattutto dopo...”, perchè “la politica in sé non basta, servono idee concrete e il coraggio, uniti, di fare una nuova Resistenza contro la nuova dittatura del capitalismo”. E sulla scelta da fare domenica alle urne, parla chiaro: sì alla lista di Acerbo in Regione, sì alla lista Prospettiva Comune del candidato sindaco Giorgio Giannella a Teramo, sì alla lista Un'Altra Europa per Tsipras, no a “Grillo che è solo uno che urla alla luna...” GUARDA IL VIDEO (CLICCA QUI) IMG_2846 IMG_2847 IMG_2848 IMG_2841

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni