×

Avviso

Non ci sono cétégorie
Oltre un anno senza posta elettronica e, a giorni alterni, senza possibilità di accedere ad Internet: sembra assurdo, ma è stato così per il sindaco di Alba Adriatica, Tonia Piccioni, che solo da martedì 4 novembre, si è vista "cablare" il proprio ufficio in Comune. Ma senza posta e internet sono stati, per mesi, anche gli assessori della giunta albense. Una situazione al limite del surreale: basti pensare alla stanza adibita a server, minuscola e arieggiata d'estate con un ventilatore. Per la serie, la modernità e la tecnologia non hanno baciato, negli anni scorsi, la cittadina turistica per eccellenza della costa vibratiana. E pensare che, nella precedente amministrazione c'era uno come l'assessore Gabriele Viviani che dell'uso dei mezzi di comunicazione e del web aveva fatto il proprio cavallo di battaglia nel rapporto con i cittadini e con gli organi d'informazione. Ma per un assessore "digitale", evidentemente non c'è stato un sindaco alla pari. Pare che il predecessore della Piccioni, Franchino Giovannelli, infatti, non avesse mai sentito l'esigenza di aprire una mail. Diverso il caso dell'attuale sindaco che, invece, ha subìto l'assenza di cablaggio e sobbarcato l'ufficio protocollo di un evitabilissimo surplus di lavoro di trascrizione, stampa di lettere, raccomandate. La fiera del cartaceo nell'era del digitale. Adesso si cambia ad Alba Adriatica: il primo step di ristrutturazione dell'intero sistema informatico del Comune si è completato in settimana. E il sindaco Piccioni e l'assessore Andrea Salvi annunciano l'intera rivisitazione del sistema: obiettivo, tra gli altri, fornire a cittadini e utenti del web un portale istituzionale dedicato al Turismo e rivedere quello ufficiale del Comune. Al di là dei servizi di posta elettronica impossibili per la giunta, ci sono stati uffici con pratiche "stoppate" dall'assenza di internet a giorni alterni. In questa prima fase, il sistema di cablaggio ha interessato le sedi comunali di via Bafile e via Battisti. In corso la fornitura del nuovo hardware e, fa sapere il Comune, "tutte le ditte fornitrici che hanno partecipato al progetto sono state scelte tramite il ricorso al sistema dinamico di acquisizione, così come previsto della vigente normativa in materia di Spending Review". panorama-alba-adriatica

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni