×

Avviso

Non ci sono cétégorie
IMG_1624 Anna Prosegue la vicenda della Vigilessa Anna Capponi che fu licenziata dal Comune di Teramo.   Da quanto appreso dall’intervista andata in onda su VeraTv, il Comandante Zaina risulta indagato dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Teramo per una scorretta redazione del DVR (Documento di Valutazione dei Rischi).   Il DVR deve essere elaborato dal datore di lavoro in collaborazione con il responsabile del servizio di prevenzione e protezione e con il medico competente (ove fosse presente) previa consultazione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza e deve contenere: - Una relazione sulla valutazione di tutti i potenziali rischi per la sicurezza e la salute durante le attività lavorative nella quale siano specificati i criteri adottati per la valutazione stessa. - Le indicazioni delle misure di prevenzione e protezione attuate e dei dispositivi di protezione individuali adottati. - Il programma delle misure ritenute opportune al fine di garantire il miglioramento nel tempo dei livelli generali di sicurezza. - L’individuazione delle procedure per l’attuazione delle misure da realizzare nonché dei ruoli dell’organizzazione aziendale che vi debbono provvedere, a cui devono essere assegnati unicamente soggetti in possesso di adeguate competenze certificate e poteri. - L’indicazione del nominativo del responsabile designato del servizio di prevenzione e protezione, del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza o di quello territoriale e del medico competente che ha partecipato alla valutazione dei rischi. - L’individuazione esatta delle specifiche mansioni che eventualmente espongono i lavoratori che le ricoprono a rischi specifici che richiedo una riconosciuta capacità professionale, specifica esperienza, adeguata e certificata formazione oltre che addestramento. Lo scrive in una nota, Fabio Berardini del M5S Teramo.   Dai fatti riportati, pare che il Comandante non avrebbe inserito in questo documento i rischi relativi allo stress correlato, debitamente documentati dallo sportello Mobbing della Asl di Pescara e depositati nel fascicolo personale, che affliggevano la vigilessa Anna Capponi.   Per incompleta redazione del DVR con omessa indicazione sulla relazione della valutazione di tutti i rischi, l’individuazione delle mansioni che espongono i lavoratori a rischi specifici o richiedono riconosciuta capacità professionale, specifica esperienza ed adeguata formazione, è prevista una ammenda da € 1.000 a € 2.000 (D.Lgs. 81/08 e s.m.i.)   Provvederemo al più presto a verificare la faccenda con un accesso agli atti e chiederemo spiegazioni sui controlli effettuati dal Dirigente al Personale Fulvio Cupaiolo.   Se tutto ciò verrà confermato, chiederemo quali provvedimenti verranno presi nei confronti dei responsabili, chiude Fabio Berardini.    

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni