×

Avviso

Non ci sono cétégorie
Niente da fare, proprio non si riescono a rispettare i tempi di consegna del vestiario invernale ai dipendenti negli uffici di vai Delfico. Per questo le Rsu hanno deciso di protocollare una diffida all'indirizzo dei vertici della Teramo Ambiente, la partecipata del Comune, con una segnalazione al servizio Ispettorato di Medicina del Lavoro affinché venga fornito al personale il vestiario invernale, così come da accordi con le rappresentanze sindacali. A giugno, denunciano le Rsu, i dipendenti della TeAm indossavano ancora quello invernale e il vestiario estivo è arrivato fuori tempo massimo, ossia a metà agosto. Ad ottobre idem: era il mese previsto per la dotazione degli indumenti per la stagione fredda ma non si è visto nulla. Nonostante le svariate sollecitazioni inoltrate dalle Rsu (Massimo Di Carlo per la Fiadel, Christian Di Pietro e Antonio Matè per la Cgil, Orlando Quaranta per la Cisl e Alfredo Di Berardino per la Uil). Ad oggi, ormai nella prima decade di dicembre, del vestiario ad hoc per l'inverno non c'è traccia. Ma non sarebbe un problema di quest'anno. Anche nel 2013 si sarebbero verificati i soliti ritardi. Vero è che quest'autunno ha graziato un pò tutti in termini di meteo e temperature, ma per chi attacca a lavorare alle 5 o a mezzanotte circolare con indosso divise con tessuti inadeguati non è sicuramente il massimo. A quando la divisa invernale? La diffida intanto è partita. Con tanto di richieste di intervento al responsabile della sicurezza della Teramo Ambiente. Sott'accusa, da parte delle Rsu, il mancato rispetto degli accordi per il cosiddetto DPI, Dispositivo di Protezione Individuale.       . sede team

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni