R+News Diretta Streaming

Diretta Live Streaming

chiudi
×

Avviso

Non ci sono cétégorie
  questore Conferenza stampa di fine anno del Questore Giovanni Febo che ha elencato durante la conferenza stampa di questa mattina, l'attività dello scorso anno in provincia di Teramo.   GUARDA IL VIDEO (CLICCA QUI)   Di seguito l'attività: La Divisione Anticrimine ha richiesto ed ottenuto dal Tribunale di Teramo, Sezione Misure di Prevenzione, l’applicazione della misura di prevenzione patrimoniale a norma del D.Lgs Nr. 159/2011 nei confronti di un soggetto di elevata pericolosità sociale di origine campana, riconosciuto colpevole di aver dato origine ad una stabile organizzazione,  con dotazione di mezzi, con accurata ripartizione di compiti,  con ampia e ramificata diffusione delle attività sul territorio nazionale, disponibilità di denaro e locali, sia in Italia che all’estero, dedita al traffico, all’importazione in Italia ed alla vendita al dettaglio di ingenti quantitativi di sostanze stupefacenti tra le quali cocaina, eroina, hashish, crack, marijuana ,ecstasy e kobrett, rivendute nella zona popolare “ Le Vele  “ di Napoli- Scampia, sequestrando complessivamente:
  • 1 immobili
  • 5 rapporti finanziari ( conto deposito/ corrente)
  • Quote societarie di un esercizio commerciale
  Valore stimato  150 mila euro     La Squadra Mobile nell'ambito del contrasto al fenomeno della prostituzione all’interno di appartamenti va ricordata un’attività di indagine  coordinata dalla Procura della Repubblica di Teramo,  che ha consentito di sottoporre a sequestro preventivo n.29 appartamenti dislocati sulla costa teramana in località Martinsicuro, Villa Rosa e Alba Adriatica, in quanto immobili stabilmente adibiti a “case di prostituzione”. All’esito delle indagini sono state deferire all’A.G. di Teramo n.23 persone, indagate per il reato di locazione di appartamenti al fine di esercizio di una casa di prostituzione e di favoreggiamento della prostituzione, nonché identificate n.131 prostitute d varie nazionalità (dominicana, ucraina, cinese, brasiliana, spagnola e italiana) di cui n.10 sottoposte a provvedimento di espulsione. L’attività investigativa in parola, avviata nel mese di gennaio e condotta anche con l’ausilio di supporti tecnologici,  ha permesso di far luce su un vasto giro di prostituzione all’interno di appartamenti in cui risultavano coinvolti molti proprietari di immobili nonché intermediari e faccendieri che a vario titolo, di fatto favorivano e sfruttavano la prostituzione delle giovani donne straniere alcune delle quali in posizione di clandestinità sul territorio nazionale. Grazie ai riscontri acquisiti venivano individuati i ruoli di ciascuno dei responsabili, incaricati, taluno di indirizzare i clienti nelle abitazioni destinate al meretricio, altri di rifornire le prostitute di profilattici ed altri ancora di raccogliere gli annunci pubblicati su siti e giornalini di settore. In materia di traffico illegale di sostanze stupefacenti, nell’anno sono stati sequestrati 15.005   grammi di droghe così suddivise: 9350 gr di hashish 355 gr di eroina 2200 gr di cocaina,  3100  gr di marjuana. In tale contesto appare opportuno segnalare che il 14 Maggio u.s. personale di questa Squadra Mobile, a conclusione di un’articolata attività di indagine, dava esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare a carico di quattro cittadini marocchini. L’attività investigativa, condotta con l’ausilio di attività tecnica,  consentiva di individuare un sodalizio criminale dedito all’importazione di ingenti quantitativi di hashish dalla Lombardia all’Abruzzo, destinato al rifornimento del mercato della costa nord di questa provincia. Nel corso dell’operazione venivano sequestrati complessivamente 8 Kg di hashish e 200 grammi di cocaina. Per ultimo il 23 dicembre venivano recuperati 167 ovuli ingeriti da tre cittadini italiani che contenevano complessivamente 1250 grammi di hashish. Per quanto attiene alla repressione dei reati contro la persona particolarmente significativo appare l’arresto del cittadino albanese Shqau Gjon responsabile di un tentato omicidio ai danni di un connazionale il quale in data 30.04.2014 si recava presso il locale Pronto Soccorso per farsi medicare vistose ferite da taglio all’altezza del fianco sinistro e della spalla sinistra e per il quale ne veniva disposto il ricovero in prognosi riservata. Le indagini consentivano di risalire all’identità dell’aggressore e di accertare che la sera precedente la vittima, nel corso di una lite scaturita per futili motivi, veniva colpita all’addome con una coltellata. Le successive investigazioni permettevano di localizzare il predetto cittadino albanese a Perugia, dove si nascondeva a casa di suoi connazionali, e di trarlo in arresto in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Teramo.   La Digos, oltre a svolgere l’ordinaria attività di servizio nei diversi settori di competenza, ha svolto diverse attività di cui si ricordano le più importanti:   1.1.2014 Rissa di Capodanno. Rissa aggravata avvenuta il 1° gennaio u.s. alle 4,50 in questo Capoluogo tra attivisti di “Azione Antifascista Teramo” e noti appartenenti all’estrema destra di questa provincia, a seguito della quale un attivista di questi ultimi ha riportato lesioni giudicate guaribili in 30 gg. Nell’immediatezza oltre allo stesso viene arrestato anche il noto attivista di Azione antifascista Teramo. Sono stati poi identificati tutti i 12 partecipanti allo scontro e deferiti alla locale A.G..   18.1.2014 Aggressione discoteca Haeven. Nelle prime ore della notte tra il 17 e il 18 gennaio elementi riconducibili alla frangia "ultras" del Teramo calcio aggredivano e procuravano lesioni a due giovani ritenuti appartenenti alla tifoseria ultras del Giulianova calcio. Sono stati identificati i 2 aggressori e deferiti alla locale A.G..   18.1.2014 Occupazione locali "ex Oviesse". Il 18 gennaio u.s., una quindicina di persone hanno occupato i locali commerciali dismessi dalla catena di abbigliamento “Oviesse” siti in questo C.so S. Giorgio e di proprietà del Comune di Teramo.  Tra i principali organizzatori anche noti musicisti locali che, insieme agli altri soggetti, alcuni dei quali provenienti dalla Capitale e noti poiché promotori di analoghe iniziative ( ad es. occupazione del Teatro Valle ). In data 4 febbraio, in ottemperanza all’Ordinanza di sequestro preventivo emessa dal Gip di Teramo, su richiesta del Procuratore della Repubblica, si è proceduto allo sgombero dei locali che sono stati restituiti all’Amministrazione Comunale. Sono stati identificati 21 partecipanti e deferiti alla locale A.G..   6.5.2014 Imbrattamento muri Vescovado Imbrattata la sede del Vescovado ed edifici del centro storico con scritte riconducibili alla tifoseria ultras del Teramo calcio: sono stati deferiti alla locale A.G. i due autori del fatto.   18 e 19.8.2014 Martinsicuro e Alba Adriatica  - protesta di immigrati davanti al Municipio. Protesta spontanea con manifestazione non autorizzata di immigrati contro i controlli disposti per l’abusivismo commerciale e contraffazione di marchi. Sono stati deferiti alla locale A.G. 6 manifestanti.   5.10.2014 Incontro di calcio Teramo/L’Aquila - incidenti Al termine dell’incontro si verificavano momenti di tensione tra le opposte tifoserie. Deferiti alla locale A.G. n. 4 autori.   22.10.2014 Incontro di calcio Teramo/Ascoli - incidenti Al termine dell’incontro si fronteggiavano le opposte tifoserie. Deferiti alla locale A.G. n. 6 tifosi.   Durante l'anno 2014 costante è stato l'impegno della Polizia di Stato nei contatti con gli studenti dei vari istituti scolastici della provincia (dalla scuola per l'infanzia sino alle superiori) nell'ambito dell'educazione alla legalità. In particolare, gli incontri sono stati n.25 ed hanno interessato i seguenti argomenti:  
  • Il rispetto delle regole
  • Il bullismo
  • Educazione stradale
  • Internet - Rischi e sicurezza informatica
  Numerosi i contatti dei cittadini con l'Ufficio Relazione con il Pubblico della Questura via telefono o mail per un totale di 1.835  per conoscere lo stato di istanze presentate o per dare informazioni e chiarimenti sulle procedure. A tale riguardo si rammenta che sul sito http://questure.poliziadistato.it@Teramo è presente la Carta dei Servizi  che viene costantemente aggiornata.                                         - 4 -          

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni