×

Avviso

Non ci sono cétégorie
"L'edificante incontro con il Prefetto si è concluso con l'impegno di rappresentare le istanze dell'associazione Officine Indipendenti presso l'Amministrazione Comunale di Teramo che sollecitata più e più volte al confronto ad oggi continua a negarsi". Esordisce così, in una nota, il circolo di Officine Indipendenti che ha incontrato questa mattina il Prefetto Valter Cerudo. "La capacità del Prefetto di commisurare gli interessi di tutti i soggetti coinvolti ci ha dato la possibilità" afferma Giorgio Giannella, referente di Officine, "di ribadire come i problemi di Via Vezzola sono più in generale i problemi dell'intera città orfana da più di 20 anni di politiche e scelte amministrative sia sul campo culturale, giovanile e sociale". Officine Indipendenti, al cospetto del Prefetto, ha ripercorso "5 anni scanditi da denunce, multe, controlli". Anni di "chiusure e ricorsi che non hanno comunque ostacolato la documentata attività culturale e associativa". L'incontro si è concluso "con l'impegno di trovare soluzioni, regolamenti condivisi e locali di proprietà del Comune adeguati per integrare e valorizzare la nostra non più emergente realtà associativa nel tessuto urbano", prosegue nella nota Officine Indipendenti. E passa la parola al Comune di Teramo e, più in generale, "a tutte le forze politiche e sociali della città per discutere e chiarire quali scelte devono essere intraprese per migliorare la qualità della vita culturale, sociale e democratica della nostra comunità, convinti di aver scritto un ulteriore importante pagina della nostra città". PREFETTO1

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni