• CORECOM3
×

Avviso

Non ci sono cétégorie
banca-tercas Il presidente della Banca Popolare di Bari Marco Jacobini, lo ha detto chiaramente: «Se le Fondazioni non parteciperanno potremo acquisire l’intero pacchetto azionario». L’assemblea della Popolare ha approvato l’aumento di capitale di 500 milioni entro i prossimi 5 anni. Di questi tra i 200 e i 240 saranno destinati all’acquisto del 70% delle azioni della banca Tercas. Il rimanente 30% dovrebbe essere acquisito dalle Fondazioni. E se le Fondazioni non ci saranno ha detto sempre il Presidente in un’intervista alla Gazzetta del Mezzogiorno, «dovremo varare un aumento di capitale per dare a Tercas i mezzi finanziari necessari per riprendere a operare. Una volta che le perdite Tercas saranno appianate, grazie all’intervento di 280 milioni del Fondo Interbancario, parteciperemo all’aumento di capitale. Investiremo tra i 200 e i 240 milioni di euro, derivanti dal nostro aumento di capitale, per arrivare a detenere almeno il 70% della banca. Se le Fondazioni non parteciperanno potremo acquisire l’intero pacchetto azionario». Poi parla dei conti della Tercas: «Ho trovato molte sofferenze, molte situazioni creditizie deteriorate. Un peccato. Perchè vi erano, e ci sono, tutte le condizioni per fare credito e creare valore per la banca». Insomma c'è ora il rischio piu' che concreto che Tercas venga snaturalizzata e che non sia piu' la Banca del Territorio. Anche la direzione dell'istituto sarà tutta di Bari, come è logico che sia, a Pilla non rimarrà altro da fare, se resterà in Tercas che ricoprire un altro ruolo. L’operazione entrerà nel vivo tra settembre e ottobre mentre adesso la Tercas dovrà deliberare l’aumento del capitale sociale.