R+News Diretta Streaming

Diretta Live Streaming

chiudi
×

Avviso

Non ci sono cétégorie

damicolucianoC'è anche  l’ex rettore dell’Università di Teramo, Luciano D’Amico, tra i consiglieri del Centrosinistra che potrebbero entrare in Regione, se venisse accolto il ricorso elettorale che Giovanni Legnini sta per presentare. I termini scadrebbero il 25 marzo prossimo, lo scopo è chiedere l’attribuzione di sette consiglieri regionali anziché dei cinque che gli sono stati assegnati all’esito della proclamazione degli eletti da parte della Corte d’Appello dell’Aquila, seguita alle elezioni regionali del 10 febbraio scorso. Alla coalizione civica e di centrosinistra che ha ottenuto il 31,29 per cento dei voti, sono stati attribuiti infatti cinque seggi, ai quali si aggiunge quello dello stesso Legnini, mentre al Movimento cinque stelle che ha avuto il 20,20% ne sono stati assegnati 7. Secondo gli addetti ai lavori di area centrosinistra, la incongruenza è dovuta ad un non corretta interpretazione della legge elettorale e quindi del metodo di riparto in un contesto in cui si rilevano profili di incostituzionalità: subito dopo le elezioni, Legnini ha parlato di “violazione del principio costituzionale dell’uguaglianza al voto”. Materialmente, a depositare i ricorsi saranno i primi dei non eletti in ciascun collegio elettorale che hanno il quorum più alto e che quindi entrerebbero in Consiglio regionale in caso di accoglimento. In particolare, come detto, si tratterebbe di Pierpaolo Pietrucci in provincia dell’Aquila, ex consigliere regionale del Partito democratico, Luciano D’Amico in provincia di Teramo, ex rettore candidato con la lista Legnini Presidente, Donato Di Matteo in provincia di Pescara, ex assessore regionale candidato con la lista Abruzzo Insieme, e Paola Cianci in provincia di Chieti, candidata con la lista Progressisti-Liberi e uguali.

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni