R+News Diretta Streaming

Diretta Live Streaming

chiudi
×

Avviso

Non ci sono cétégorie

4D795723 6254 4409 A829 009CE31B18DDIncredibile a dirsi ma… ogni tanto… anche il “fisco” italiano ci regala qualche gradita sorpresa.

Riassumo, in poche righe, il contenuto di alcuni recenti provvedimenti di interesse generale.

Zona Franca Urbana sisma Centro Italia

L’articolo 1, comma 759, della Legge di bilancio 2019 ha prorogato il periodo di fruizione delle agevolazioni previste dal Decreto Legge n. 50 del 24.04.2017 ( vedi il mio precedente articolo n.1 del mese di novembre 2017) anche per i periodi d’imposta 2019 e 2020 ed ha esteso le agevolazioni alle imprese che hanno intrapreso, in data successiva al 31 dicembre 2017, o intraprenderanno, entro il 31 dicembre 2019, una nuova attività economica all’interno della zona franca urbana. La proroga interesserà anche quelle attività economiche avviate alla data del 31 dicembre 2017 e beneficiarie di precedenti agevolazioni.

Le istanze possono essere presentate entro le ore 12:00 del 18 luglio 2019.

Per avere un quadro completo delle agevolazioni fiscali e contributive fruibili, rimando alla lettura del mio precedente articolo n.1, pubblicato nel mese di novembre 2017.

Rottamazione-ter e Saldo e stralcio

Il Decreto Legge n. 34/2019, noto come “decreto Crescita”, convertito con modificazioni dalla Legge n. 58/2019, ha riaperto i termini per aderire alla definizione agevolata delle cartelle esattoriali, tramite la “rottamazione-ter” o il “saldo e stralcio”.

La nuova scadenza è fissata al 31 luglio 2019. L’agevolazione riguarda, ovviamente, solo i debiti non ricompresi nelle dichiarazioni di adesione già presentate entro lo scorso 30 aprile.Eventuali dichiarazioni di adesione  trasmesse dopo il 30 aprile 2019, sulla base di quanto previsto dal “decreto Crescita”, saranno lavorate dall’Agente della riscossione e non sarà necessario ripresentarle.

Rimando al mio precedente articolo n. 14, pubblicato nello scorso mese di aprile, ed al suo integrale contenuto che, in questa sede, mi permetto di non ripetere, per apprendere, con maggior dovizia di particolari, le informazioni relative alle possibilità di adesione, alle modalità di presentazione delle domande ed ai termini di pagamento.


Presentazione delle dichiarazioni dei redditi e pagamento delle tasse

Sempre ilDecreto crescita ha spostato la data di presentazione telematica delle dichiarazioni dei redditi di due mesi. Il termine passa dal 30 settembre al 30 novembre (quest’anno si arriverà fino al 2 dicembre poiché la scadenza cade di sabato). 

Buone notizie sono arrivate per i professionisti, per le ditte individuali e per le società che rientrano nell’ambito di applicazione degli indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA). Sono stati, infatti, posticipati al 30 settembre i termini per i versamenti risultanti dalle dichiarazioni dei redditiin materia di imposte dirette, dell’Irap e dell’Iva, che scadono tra il 30 giugno e il 30 settembre 2019.

La proroga si estende anche ai soggetti che partecipano a società e imprese “interessate” dagli ISA.

Non assume, inoltre, rilevanza il fatto che il contribuente applichi o meno il proprio indice di riferimento. Il che vuol dire che la prorogapuò essere utilizzata anche dai contribuenti che adottano il regime forfettario o dei minimi, o determinano il reddito con altre tipologie di criteri forfettari.

E…in virtù di quest’ultima proroga, mi accingo anch’io a godermi le meritate vacanze, sulle note di Giuni Russo:

“Un estate al mare 

voglia di…pagare…” 

GIOVANNI MATTUCCI

mattuccigiovanni

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni