×

Avviso

Non ci sono cétégorie

Fakelercio

Eccoci qua! Benvenuti nella prima pandedemia al tempo dei social network. Anche se non è la prima volta che un virus si propaga in diversi Paesi dall’esistenza di Facebook, mai i social sono stati così presenti. Mai l’abbiamo vissuto così tanto sulla nostra pelle. Cosa succede in Cina. Quanti morti in Francia. Perché a Cuba non attacca. E’ partito dal laboratorio o dal serpente che mangia il topo che mangia il gatto che al mercato mio padre portò ?Mai una così grande mole di utenti social connessi sono stati pronti a commentare, ripostare, moltiplicare notizie, ipotesi complottistiche e autorevoli pareri scientifici. Si salta con disinvoltura da Burioni a Fiorello, dall’Istituto Sacco  a zia Mara e così dopo una maratona di ore si rischia di confondersi un pò.Il pericolo è serio ed è stato preso in carico dagli stessi social networkche si sono premuniti di avvisare i propri utenti per evitare di far dilagare il panico da tastiera. Con provvedimenti che,però,non potevano fermare e non hanno fermatoil fiorire di bufale, non sempre simpatiche, non sempre convincenti ed efficaci – perché gli utenti tendono a non approfondire le notizie, a fermarsi ai titoli e a non riconoscere le foto modificate. Così, aquanto pare, il confine tra satira, sognoincubo e realtà si è ulteriormente assottigliato nelle ultime giornate. Soprattutto sul web e tra i social dove è possibile imbattersi in ogni genere di supposizione, parere e consiglio su cosa fare e come gestire questa pandemia che, ormai, fa rima con infodemia, il sovraccarico di notizie vere, incerte, falseCosì il mitico “Lercio.it” è stato battuto al suo stesso gioco. Del resto quando si parla di psicosi tutto è lecito, e ci possiamo aspettare di tutto. Così, per una semplice associazione di nomi, la birra della marca Corona è da un mese sotto il mirino delle fake news, e si è preferito fermarne la produzione. Chissà , per la legge del contrappasso, il povero Fabrizio Corona diventato ricco infamando la gente, cosa starà passando in queste ore.Motore e azione! 

Ovviamente immancabili le soluzioni miracolose “della nonna” a base di aglio,utile per tenere effettivamente a distanza i vampiri,  fino al nostro peperoncino calabrese che brucerebbe il virus al suo arrivo nel corpo. Non poteva mancare il complotto, ed eccoBill Gates, il magnate dell’informatica che sarebbe a capo di un perverso piano con le sue case farmaceutiche per il vaccino. Un classico intramontabile. Un ricco magnate, in questo caso pure filantropo, quindi un doppiogiochista, come Bill Gates che decide di creare un nuovo tipo di virus e fare un accordo sottobanco con le case farmaceutiche per vendere il vaccino a caro prezzo come unica soluzione per contrastare l’epidemia. Motore e azione! 

Una delle fake più riprovevoli è stata quella secondo la quale ipazienti sopra 70 anni, in Lombardia, saranno lasciati morire. Simpatica quella di un certo infermiere, chiamato Giuseppe Tripicchioche ha giurato e spergiurato di aver conosciuto e curato gli untori, i pazienti numeri uno in assoluto del virus, 50 ragazzi infetti tornati da Wuhan dopo il periodo natalizio e ora ricoverati al policlinico di Bari.Motore e azione! 

Credibile ovunque, ma non in Italia, quella secondo la quale per i prossimi mesi non saranno erogati gli stipendi ai dipendenti della pubblica amministrazione. Unico caso che comporterebbe la rivoluzione.

Macabra e di autentico cattivo gusto quella che voleva lo scrittore Luis Sepulveda morto in Spagna dopo una breve malattia. Diciamolo subito, non è vero, è malato ma solo sedato e intubato come tutti gli infettati sintomatici con sintomi gravi. 

Impossibile da credere, eppure circolante, la fake sul noto calciatore Bobo Vieri -  scelto come sexsimbol per l’8 marzo delle donne moscianesi, uomo di spiccata cultura dallo sguardo intelligente – che lo vorrebbe a casa a leggere un libro.  Impossibile.

Poi ci sono le kake studiate, quelle fatte meglio, più credibili, tipo “stasera dalle 23:00 fino alle 05:00 passerà un elicottero e disinfetterà tutto.Mi raccomando non lasciategli animali, i panni le scarpe e altre cose fuori. Se le lasciate dopo buttatele.”Ma tutti sanno che non siamo così organizzati.

Quelli più accorti hanno creato anche la carta intestata del ministero per dire che con il “Decreto ministerialeviene attivata in tutta Italia la zona super rossabsl 4. Solo una persona per famiglia potrà uscire. La seconda sarà arrestata”. Non dico il sesso, ma proprio non aveva niente da fare questo signore.

L’ultima, su cui si è acceso un ampio dibattito anche ieri. “300mila soldati americani stanno invadendo l’Italia”.  Commenti a non finire, dalla guerra imminente contro la Russia all’invasione capitalista, dalla terza guerra mondiale all’America assassina, da chi lo ha sempre saputo, a chi collega il virus come cavallo di troia per aprire la porta all’invasione dell’Europa. Il super complottismo si è scatenato. L’antiamericanismo mai sopito è diventato isterico. Scontri verbali da non credere. Beati loro. Fa male non vedere almeno tre partite a settimana.  

Ieri sera invece over the top è stata la fake sui carri armati. Chi li ha visti uscire dal laboratorio del Gran sasso,pronti a bloccare l’autostradaNon ho capito se per Roma o l’adriatica. Chi li ha visti a Pescara . Chi all’uscita autostradale di Pescara nord.E anche qui chilometrici commenti inutili fatti su niente. Del resto inmerito ai complotti si potrebbe scrivere di tutto. Ma è meglio evitare, perché la piaga  ha raggiunto e superato i numeri della pandemia in atto. E dopo un pò smette di far ridere e diventa anch’essa pericolosa.

LeoNodari

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni