×

Avviso

Non ci sono cétégorie

Papapazzo

E’ ovvio che la situazione gli è sfuggita di mano. Oppure è impazzito. Già aveva dato chiari segnali di squilibrio giorni fa con l’enciclica “Fratelli tutti”.  Ora va bene fratelli delle prostitute. Il cardinale Becciu ci ha insegnato la strada maestra. Ora va bene fratelli di ladri e dittatori africani. Becciu era incarnazione della parola. Va bene fratelli dei negri, se sono giovani e forti e frequentano i vescovadi. Ma pensa tu che cosa arriva a dire un papa : "Gli omosessuali sono figli di Dio e hanno diritto a una famiglia. Nessuno dovrebbe essere estromesso o reso infelice per questo".Incredibile. Pazzesco. Secondo questo Papa ciò che dobbiamo creare è una legge di convivenza civile per dare una copertura legale a questa gente. Ora pure il recchione diventa mio fratello ? Ma la cosa che stupisce è che non è la prima volta che questo Papa anticristo interviene  sul tema omosessualità. Come fece ad esempio nell’Esortazione postsinodale “Amorislaetitiadove scriveva tra l’altro: “Desideriamo innanzi tutto ribadire che ogni persona, indipendentemente dal proprio orientamento sessuale, va rispettata nella sua dignità e accolta con rispetto, con la cura di evitare ogni marchio di ingiusta discriminazione”. Nello stesso passaggio l’invito alla Chiesa ad accompagnare gli omosessuali affinché “possono avere gli aiuti necessari per comprendere e realizzare pienamente la volontà di Dio nella loro vita”.In realtà il Papa aveva dato segni di squilibrio nel settembre 2019 quando aveva detto “Gli omosessuali hanno diritto a stare in famiglia, sono figli di Dio e hanno diritto a stare in famiglia. Non si può cacciare qualcuno dalla famiglia e rendergli la vita impossibile per questo. Quello che dobbiamo fare è una legge di coabitazione civile: hanno diritto di essere legalmente coperti. Io ho difeso questa cosa”.

già il 28 luglio 2013 aveva sostenuto che “Se una persona è gay e cerca il Signore e ha buona volontà, chi sono io per giudicarla?”. O mamma mia !! Come chi sei. Tu sei il Papa lo dovresti fustigare e condannare questo peccatore. Immorale e senza Dio. Accettare nella Chiesa pure i recchioni è uno scandalo ? Mica ci sono omesessuali nella Chiesa o tra i preti/ vescovi /cardinali.  O come si azzarda a ribadire che “la misericordia è la manifestazione più luminosa della verità di Dio” . Papa Francesco parla di omosessualità anche il 28 maggio 2019 “Siamo tutti esseri umani, abbiamo dignità, se una persona ha una tendenza o un'altra questo non toglie la sua dignità di persona” Ma che dice ?? Mica li possiamo accettare come se fossero persone.  Mica sono persone. Per fortuna il Papa prende le distanze da qualsiasi rischio di confusione tra matrimonio e unioni civili, sottolineando come "non esista fondamento alcuno per assimilare le unioni omosessuali e il matrimonio"altrimenti eravamo alla catastrofe.

Insomma l’idea espressa da Francesco non cercava di cambiare la dottrina, ma esprimeva semplicemente la sua convinzione che gli omosessuali debbano godere dei medesimi diritti degli eterosessuali. Ed è in un quadro molto meno inedito e deflagrante di quanto lascinointendere le proteste degli ultra conservatori amici dell’indagato Becciù, che verrà processato per peculato, senza che nessuno dei suoi amici abbiano levato una parola di condanna. Per evidenti ragioni di comune magna magna vaticano & friends

Il fatto che il papa parli positivamente di unioni civili manda un messaggio forte . Perché tutti i messaggi di Francesco sono stati forti. Solo che non tutti i cattolici li leggono. Solo che non tutti i Vescovi, presi dall’idolatriadel super io, lo leggono. Solo che non tutte le parrocchie, spesso spente, grigie, tristi, pagane, non sempre lo leggono. Quando Papa Francesco decise di rispondere all’ennesimo scandalo di “pedofilia con la densa “Lettera al popolo di Dio” che individuava nel clericalismo la sorgente dei mali da cui venivano gli abusi, alcuni hanno pensato che il Santo Padre stesse nascondendosi dietro a un dito. Loro, e una gran parte della Chiesa invece stavano facendo precisamente questo: nascondersi. Non c’è bisogno di essere chierici per essere clericali. Esiste un clericalismo inquisitore che si manifesta nelle persone che vivono con atteggiamenti da “segregati”, con la puzza sotto il naso, segregati male. Sono quelli che vivono una specie di atteggiamento aristocratico rispetto agli altri.  Quando c’è inquisizione, condanna, censura, clericalismo, “aristocraticismo”, “elitarismo”, non c’è il popolo di Dio. Quello che ti dà una collocazione nella Chiesa è la vicinanza alla gente della parrocchia; per chi sta in un collegio, sono i genitori dei ragazzi e i ragazzi stessi; per chi sta in un ospedale sono i malati a dargli una collocazione. È la synkatábasis(condiscendenza) di Gesùche sceglie nel popolo gli apostoli per inserirsi nel popolo. Gesù che rimprovera con forza i capi dei sacerdoti e li avverte che perfino le prostitute li precederanno nel Regno dei Cieli.  Allo stesso modo Papa Francesco prende spunto dal Vangelo  per mettere in guardia dalle tentazioni che pure oggi possono corrompere la testimonianza della Chiesa, che diviene pagana e peccatrice per non aver ascoltato le parole del Signore.Certo sono concetti alti. E’ più facile lamentarsi che capire che "Gli omosessuali sono figli di Dio e hanno diritto a una famiglia. Nessuno dovrebbe essere estromesso o reso infelice per questo".

Leo Nodari

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni