×

Avviso

Non ci sono cétégorie

Michelecucuzza“Fuori dalle bolle” (Curcio Editore) è il settimo libro di Michele Cucuzza giornalista e conduttore radio-televisivo, docente dell’Istituto Armando Curcio (Roma) per il Corso di Laurea Mediazione Linguistica in Editoria e Marketing. “Fuori dalle bolleCome sottrarsi dalle supercazzole in rete è dedicato all’evoluzione del mondo della comunicazione, per migliorare l’ autonomianell’utilizzo della rete. Siamo riusciti a raggiungere Cucuzza e gli abbiamo rivolto alcune domande

Fuori dalle bolle. Come sottrarsi dalle supercazzole in rete, è un manuale di primo soccorso…

Le “bolle” sono quelle notizie che ci arrivano spontaneamente sui nostri telefoninisui tablet, sui nostri pc e che corrispondono a certe nostre opinioni che possono, in qualche modo,isolarci da notizie che sono di senso opposto. Faccio un esempio: il giugno c’è stata una manifestazione  piccola  secondo la quale il covid non esisteva, ecco naturalmente bisognerebbe dirlo ai parenti dei 35.000 morti (soltanto in Italia) che una cosa del genere non esiste,ma se ci credo e comincio a digitare, commentareme ne arriveranno poi altre.Apoco a poco sarò isolato da notizie che parlano del covid comepandemia e di “cosa pericolosissima. L’invito è uscire “fuori dalle bolle”.

La rete offre opportunità di lavoro e non è un passatempo,conferma?

Ci sono gli influencer, come il caso dellaFerragni o come Vacchi cheguadagnano tantissimo per ogni cosa che fanno. Però, senza arrivare ad aspirazioni  così strabilianti, oggi uno dei modi per fare pubblicità è la promozione attraverso i social fatta da giovani che hanno un certo successouna certa credibilità presso altri giovani. Spuòlavorare per siti, per le associazioni pubbliche eprivate: ferrovie, acque,  nettezza urbana tutti hanno bisogno di gente che si occupi della comunicazione in rete, tutti questi sono lavori. Chi sa comunicare trova lavoro, chi non sa comunicare non lo trova. Altre cose sono gli sviluppatori appse neè parlato tantissimo in questo periodo a proposito delle app sul covid 19.

Quali consigli può dare ai ragazzi

Evitare di cadere nelle trappole delle fake news. È un po’ quello che facciamo noi giornalisti: andare a controllare lafonte, da dove viene quella notizia. Se è un’agenzia, un organo di stampa accreditato, un telegiornale, un giornale on line, allora è credibile, se non si capisce da dove viene, quando è uscita, in che città, bisogna dubitare e non  bere come oro colatotutto quello che arriva dai social e dalla  reteControllare se altri organi di informazione dicono la stessa cosa: il telegiornale, qualunque giornale online, qualche talk show serale.

Quanto c’è del giornalista nello scrittore e quanto dello scrittore nel giornalista?

Non sono uno scrittoresono riflessioni ricavate dal mio lavoro, da quello che faccio tutti i giorni che è … il giornalista.

Anna Brandiferro

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni